LA CONTESTAZIONE
25 Febbraio Feb 2013 0825 25 febbraio 2013

Femen: «Il Cav è il politico più sessista»

Una delle tre attiviste spiega l'attacco.

  • ...

Ha rimediato una ferita alle testa. Oltre a qualche contusione. Poteva andare anche peggio a Inna Shevchenko, una delle tre attiviste di Femen che domenica 24 febbraio hanno contestato l'ex premier Silvio Berlusconi all'entrata del seggio di Milano (guarda il video).
Subito immobilizzate dalle forze dell'ordine, le tre giovani - oltre all'ucraina, le altre due attiviste sono Oksana Shachko e la francese Elvire Duvelle-Charles - sono però riuscite a lanciare il loro messaggio, conquistando l'attenzione dei media anche grazie al topless (guarda la photogallery) nonostante la nevicata che nel primo giorno di voto ha investito Milano e il Centro Nord dell'Italia.
«POLIZIA BRUTALE E VIOLENTA». Alla fine le tre donne, dopo essere state portare in questura dalla Digos di Milano, se la sono cavata con una denuncia per atti contrari alla pubblica decenza e resistenza a pubblico ufficiale.
«Abbiamo attaccato Berlusconi perché è il politico più sessista che ci sia in circolazione», ha detto al quotidiano La Repubblica Shevchenko, dopo essersi fatta visitare da un medico per la ferita dopo che gli agenti della Digos l'hanno immobilizzata a terra davanti a passanti e giornalisti.
«La polizia italiana», ha proseguito l'ucraina, «è stata brutale, anzi violenta. Ma noi di Femen siamo preparate anche per questo».
DONNE, IMMAGINE DEGRADANTE. «Berlusconi compra le donne come fossero una merce», ha continuato Shevchenko, che ha anche spiegato come le attiviste sanno «sempre dove trovare» i loro «nemici».
«Grazie al suo impero mediatico, il Cavaliere veicola un'immagine femminile degradante», ha poi concluso la rappresentante di Femen.
NEL 2011 CONTRO LE ESCORT. Quello contro Berlusconi, però, non è il primo blitz delle attiviste del movimento nato in Ucraina nel 2008. Femen si batte da cinque anni contro la prostituzione, lo sfruttamento del corpo femminile e le 'dominazione maschile' in generale.
Shevchenko era anche già stata in Italia: nel 2011 aveva protestato davanti a Palazzo Grazioli all'epoca dello scandalo escort che aveva coinvolto il Cavaliere.
Inoltre nel 2012 la donna, come Duvelle-Charles, era in piazza San Pietro durante l'Angelus del papa in topless in difesa dei diritti civili (l'episodio le era valso il fermo di polizia). E sempre l'anno scorso le attiviste di Femen avevano protestato contro Vladimir Putin, dandogli del «maschilista» in un seggio di Mosca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso