Farmaci 140626142640
SCIENZA
26 Giugno Giu 2014 1421 26 giugno 2014

Wikipedia, farmaci: vecchio il 36% delle voci

Più di un terzo delle pagine non aggiornate sulla sicurezza.

  • ...
Wikipedia, il 36% delle pagine sui farmaci non sono adeguatamente aggiornate sulla loro sicurezza.

Quando si cercano su Google informazioni sui farmaci, tra i primi risultati compare sempre una pagina di Wikipedia. Ma in un terzo dei casi le informazioni contenute non sono aggiornate.
WIKIPEDIA PRINCIPALE SITO DI SALUTE AL MONDO. La scoperta è arrivata dagli Stati Uniti, ed è stata fatta dalla Harvard Medical School che l'ha pubblicata sul New England Journal of Medicine. Ogni mese 500 milioni di persone consultano le pagine dell'enciclopedia on line: questo rende Wikipedia, potenzialmente, il principale sito di salute al mondo. Ma il suo tasso di aggiornamento non è ottimale.
IL 36% DELLE PAGINE NON AGGIORNATO IN UN ANNO. Per verificare la correttezza delle informazioni fornite agli utenti sui farmaci, ne sono stati selezionati 22 per diverse patologie, dalla pressione alta all'epatite C, per i quali l'Fda (Food and Drug Administration) aveva pubblicato degli allarmi sulla sicurezza tra il 2011 e il 2012. Le pagine relative ai farmaci prescelti sono state esaminate 60 giorni prima e per 60 giorni dopo la pubblicazione del «warning», periodo nel quale ci sono state 15 milioni di ricerche su Google e 5 milioni di visite a Wikipedia sulle molecole in questione. «In media il 41% delle pagine di Wikipedia è stato aggiornato entro due settimane dall'allarme», ha spiegato John Seeger, autore principale della ricerca, «quasi un quarto (il 23%) ha dovuto attendere più di due settimane per l'update, e più di un terzo, il 36%, non era aggiornata un anno dopo la pubblicazione del warning».
I FARMACI NON SONO TUTTI UGUALI. Il risultato della ricerca, secondo Seeger, insegna anche che dal punto di vista della Rete «i farmaci non sono uguali, con quelli più comuni che hanno una probabilità maggiore di avere un aggiornamento in tempi rapidi» rispetto agli altri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso