Rimini: nuovo stupro, arresto straniero

Cos'è e come funziona il mandato di arresto europeo

Operativo dal gennaio 2004 è valido in tutta l'Ue. Dopo la richiesta la consegna deve avvenire entro 60 giorni. Anche se i numeri mostrano che il meccanismo ancora non funziona al 100%. Le cose da sapere.

  • ...

Operativo dal primo gennaio 2004, il mandato d'arresto europeo, valido in tutto il territorio dell'Unione, ha sostituito il lungo iter procedurale previsto per l'estradizione. In pratica, si tratta della richiesta di uno dei 28 Stati dell'Ue, affinché si proceda all'arresto di una persona in un altro Paese dell'Unione, e alla sua consegna entro 60 giorni al massimo (dal momento della cattura).

SOLO UN TERZO DI DOMANDE ACCOLTE. Il procedimento esclude qualsiasi intervento di tipo politico e prevede contatti diretti tra le autorità giudiziarie, che riconoscono, in modo reciproco, le proprie decisioni. Tuttavia, sebbene si tratti di un iter più snello rispetto al passato, con tempi certi, e un ridotto ventaglio di eccezioni, i dati della Commissione europea dimostrano come nel 2014, su 14.700 provvedimenti emessi, e 9.660 persone arrestate, solo 5.480 - circa un terzo - siano state riconsegnate.

Non è andata meglio nel 2013: su 13.100 misure spiccate, gli arresti sono stati 7.850, e le riconsegne 3.460. In linea di principio gli Stati membri non possono rifiutare la consegna dei propri cittadini, a meno che non assumano la competenza per l'azione penale o l'esecuzione della pena privativa della libertà nei confronti del ricercato. E tra le garanzie che possono essere chieste, anche quella che il ricercato possa trascorrere il periodo di detenzione nel Paese che consegna, ma questo è possibile solo se si tratta di un cittadino o di un residente abituale in tale Stato. Ci sono tuttavia anche ancora vari motivi per rifiutare il mandato d'arresto europeo: dalla giurisdizione territoriale alla procedura penale in corso nel Paese di esecuzione, se la persona è già stata giudicata per lo stesso reato, o se si tratta di un minore.

2 Novembre Nov 2017 2111 02 novembre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso