Uma Thurman
3 Febbraio Feb 2018 1842 03 febbraio 2018

Uma Thurman contro Harvey Weinstein: «Molestò anche me»

L'attrice 47enne racconta al New York Times episodi a Londra nel 1994. E coinvolge anche Tarantino nella spirale di aggressioni e minacce.

  • ...

L'attrice Uma Thurman ha raccontato al New York Times di essere stata preda sessuale di Harvey Weinstein e da lui pesantemente aggredita. Nel 1994 al Savoy di Londra, poco dopo la prima di Pulp Fiction, Weinstein «mi sbatté sul letto. Cercò di spingersi dentro di me e di calarsi i pantaloni. Non mi violentò, ma era come se io fossi stata un animale che cercava di liberarsi», ha ricordato la diva. Sempre al Savoy, qualche giorno dopo, il secondo episodio. A casa disse che Weinstein «l'aveva minacciata di far deragliare la sua carriera».

«MI SENTO IN COLPA PER LE ALTRE». E così mesi dopo aver minacciato una «vendetta fredda» contro l'ex potente produttore di Hollywood, Thurman è uscita allo scoperto: l'attrice ha implicato in una complicata spirale di aggressioni e minacce non solo l'ex boss di Miramax, ma anche il regista Quentin Tarantino di cui è stata la musa e che l'ha resa famosa: «I complicati sentimenti che ho su Harvey riflettono quanto mi sento in colpa per le donne che sono state aggredite dopo di me», ha detto la 47enne in un'intervista che si è protratta fino alle ore piccole della mattina: «Io sono una delle ragioni per cui una ragazza entrava nella sua stanza da sola, proprio come ho fatto io».

TARANTINO LA MISE IN PERICOLO. L'animosità di Harvey contro Uma infettò il rapporto con Tarantino: secondo il racconto al Times il regista mise a rischio la vita della diva sul set. Mentre girava Kill Bill in Messico, Quentin costrinse Uma, contro le sue obiezioni, a guidare una Karmann Ghia pur sapendo che era un catorcio: l'auto andò a sbattere contro un albero provocandole durature lesioni alle gambe e una commozione cerebrale.

VIDEO DELL'INCIDENTE COME PROVA. «Devi andare a 60 chilometri all'ora o i capelli non voleranno come si deve e ti farò ripetere la scena. Ma quell'auto era una cassa da morto. Il sedile non era avvitato e la strada era sterrata e tutta curve», ha racontato la Thurman che solo di recente ha ottenuto da Tarantino il video dell'incidente e lo ha consegnato alla polizia. Il New York Times lo ha pubblicato a corredo dell'intervista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso