Antifascista
3 Marzo Mar 2018 1443 03 marzo 2018

Pavia, antifascisti «marchiati» sulla porta di casa

Indignazione e allarme montano sui social dopo la condivisione di immagini che mostrano un adesivo trovato da alcune persone nella loro abitazione con la dicitura: «Qui ci abita un antifascista».

  • ...

«Qui ci abita un antifascista»: a Pavia indignazione e allarme montano sui social dopo la condivisione di immagini che mostrano un adesivo con questa scritta e con il logo barrato della rete antifascista che alcune persone avrebbero trovato come "marchio" incollato alla porta di casa.

TRA I MARCHIATI ANCHE L'ASSESSORE ALLA CULTURA. Come ha riportato la Provincia Pavese, «il raid è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato, alla vigilia dell'appuntamento elettorale. Tra le persone che si sono svegliate con la porta marchiata ce ne sono alcune implicate nei processi per gli i fatti del 5 novembre». Tra i «marchiati» anche l'assessore alla cultura Giacomo Galazzo, storici attivisti dell'Anpi ma anche persone del tutto estranee alla militanza ma che si sono esposte sui social contrastando la propaganda neofascista.

TAM TAM VIRTUALE. Ed è partito un tam-tam virtuale per accertare quanti abbiano ricevuto una simile attenzione. Sull'identikit dell'"untore", nessuno sembra avere dubbi. "Sciogliere subito CasaPound e Forza Nuova", scrive Alessandro Caiani, dopo aver diffuso la foto che lo riguarda. Anche perché l'autore o gli autori dell'azione hanno agito in un contesto di scontro politico e secondo modalità che inducono all'immediato paragone con il trattamento subito dagli ebrei nell'Italia delle leggi razziali più che alla Colonna infame manzoniana. D'altronde a Pavia la presenza e l'attivismo delle sigle di estrema destra è più che palpabile e sempre più viso aperto rispetto a quando, due anni fa, CasaPound aprì una sua sede sotto copertura, ad appena 200 metri dal circolo Arci, per uscire allo scoperto solo successivamente. Un'angusta frontiera presidiata oggi dalle forze di polizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso