Strage Latina
STRAGE DI LATINA
9 Marzo Mar 2018 1148 09 marzo 2018

Cisterna, ai funerali delle bimbe contestato il parroco che prega per il padre

L'ultimo saluto del pase ad Alessia e Martina, uccise da Luigi Capasso prima di togliersi la vita. Assente la madre, ancora ricoverata in ospedale.

  • ...

Palloncini bianchi e rosa all'ingresso della chiesa di Cisterna di Latina dove si sono svolti i funerali di Alessia e Martina, le due sorelle di otto e 14 anni uccise dal padre, il carabiniere Luigi Capasso, che poi si è suicidato. L'uomo prima di uccidere le figlie aveva sparato alla moglie, Antonietta Gargiulo, che si trova ancora ricoverata al San Camillo di Roma e che solo da 24 ore ha saputo della morte delle figlie. Tanti i compagni di scuola di Alessia e Martina che hanno partecipato alla cerimonia una maglietta con un cuore per ricordare le due sorelle.

«Preghiamo anche per il padre», ha detto nella sua omelia il parroco della chiesa di Collina dei Pini dopo avere ricordato a lungo Alessia e Martina. Qualcuno dai banchi della chiesa ha contestato le parole ma lui ha aggiunto, dopo un attimo di silenzio e commozione, «scusate ma la famiglia ha perdonato».

PAESE FERMO PER L'ULTIMO SALUTO. Il paese si è fermato per rendere omaggio alle bambine: niente mercato settimanale, bandiere a mezz'asta, stop a qualsiasi manifestazione e serrande dei negozi abbassate al passaggio del corteo funebre. Il Comune ha proclamato il lutto cittadino. Un lungo applauso ha salutato l'arrivo dei carri funebri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso