Vaccini: Consulta, ricorsi infondati
9 Marzo Mar 2018 1905 09 marzo 2018

Vaccini, la mappa della copertura da Nord a Sud

Il 10 marzo scade il termine per mettersi in regola con i vaccini, ma quasi ovunque lunedì anche i bimbi "fuorilegge" potranno entrare in classe. La situazione.

  • ...

Il 10 marzo scade il termine per mettersi in regola con i vaccini, ma quasi ovunque lunedì anche i bimbi "fuorilegge" potranno entrare in classe. Intanto però la Società italiana di Igiene ha stimato che 30 mila bambini potrebbero non essere in regola e questo perché ogni regione si comporta in modo diverso.

Milano: termine prorogato fino al 12 marzo

A Milano il termine per la consegna dei certificati è stato prolungato fino al 12: sono 40, su 33 mila, i piccoli di nidi e materne comunali che rischiano di rimanere fuori dalle aule. E sono poco meno di 20.000 i bambini da zero a sei anni che in Lombardia non hanno ancora fatto le vaccinazioni obbligatorie.

Piemonte: elenchi degli esoneri forniti dalle asl

In Piemonte, dotato di anagrafe vaccinale, slitta al 30 marzo il termine per presentare alle scuole la documentazione (avvenuta vaccinazione o richiesta per farla). Saranno le Asl a fornire alle scuole gli elenchi di eventuali esoneri o mancati adempimenti. Le scuole entro il 20 invieranno una comunicazione alle famiglie invitandole a mettersi in regola entro 10 giorni. In LIGURIA a fine estate le Asl hanno inviato a tutte le famiglie lettere-certificato, contenenti già un appuntamento in ambulatorio. Fino a comunicazione definitiva di 'inadempienza' da parte della Asl nessun minore rimarrà fuori dal cancello né verrà sanzionato alla scadenza del 10 marzo.

Friuli Venezia Giulia: elenchi da consegnare alle scuole entro il 10 maggio

In Friuli Venezia Giulia le aziende sanitarie avranno tempo fino al 10 maggio per restituire alle scuole gli elenchi completandoli, dove necessario, con la dicitura "non in regola con gli adempimenti vaccinali".

Toscana: ancora 120.258 bambini e ragazzi non vaccinati

In Toscana risultano, al 28 febbraio, 120.258 bambini e ragazzi non in regola, 13.434 dei quali nella fascia 0-6 anni. La Regione ha fatto sapere che saranno sospesi da nidi e scuole materne i piccoli non in regola: sarà inviato un avviso alle famiglie invitandole a presentare la documentazione, se entro 10 giorni non arriverà i bimbi, saranno sospesi, pur rimanendo iscritti. Potranno essere riammessi solo quando in regola.

Emilia Romagna: scadenza del 10 riferita solo a chi ha fatto l'autocertificazione

In Emilia Romagna tutti gli infra-sedicenni che non avevano rispettato il calendario vaccinale hanno già ricevuto dalle Ausl la lettera con l'appuntamento fissato. La data di domani dunque riguarda solo coloro che avevano presentato a inizio anno scolastico un'autocertificazione e che ora dovranno esibire a scuola il certificato o la lettera di appuntamento della Asl. Nella regione, per i bimbi di un anno, le vaccinazioni obbligatorie sono oltre il 97%. Nessun bimbo comunque l'11 resterà a casa: ci sono altri 45 giorni per un colloquio e solo dopo scatterà l'eventuale sanzione. In UMBRIA le coperture vaccinali per Esavalente (Polio, difterite, tetano, pertosse, epatite b, emofilo) e Trivalente (Morbillo, parotite e rosolia) sono praticamente tutte sopra la soglia di sicurezza del 95%.

Lazio: copertura vaccinale del 97%

A Roma e nel Lazio, stando ai dati della Regione, la copertura dei vaccini obbligatori è pari al 97%. I bambini per cui i genitori hanno presentato i 'dissensi informati definitivi', ovvero il rifiuto della vaccinazione, sono 26 nel Lazio per l'esavalente, 33 per il quadrivalente e sono tutti nella fascia di età 0-2 anni.

Napoli: 80.763 i bambini vaccinati da settembre 2017

A Napoli dal primo settembre a oggi sono stati 80.763 i bambini vaccinati negli ambulatori della Asl 1 centro. In PUGLIA il 93-95% dei 200 mila bambini nella fascia d'età 0-6 anni ha fatto il vaccino esavalente, mentre il 90-92% ha fatto anche quello contro il morbillo. Chi non è in grado di dimostrare di essere in regola con le vaccinazioni entro domani potrebbe non essere più ammesso a scuola. A correre questo rischio sono circa cinquemila bambini.

Basilicata: copertura al 98%

In Basilicata è del 98% circa il dato di copertura per le vaccinazioni obbligatorie; la regione ha già inviato i dati al Ministero della Salute.

Calabria: comunicazione dei bimbi non in regola dall'asl

In Calabria non emergono particolari criticità in vista della scadenza di domani. Saranno le Asp a comunicare alle strutture scolastiche i nominativi dei bambini non in regola.

Sardegna: nessun disagio registrato

In Sardegna non si registrano disagi. «Non potrà verificarsi», ha spiegato il direttore dell'ufficio scolastico regionale, Francesco Feliziani, «alcun caso di genitori che non potranno far entrare i figli a scuola: il problema si presenterà solo per chi ha deciso volontariamente di non far vaccinare i propri figli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso