Nordafricano ucciso nel Milanese
27 Giugno Giu 2018 1152 27 giugno 2018

False accuse di terrorismo a un immigrato: tre carabinieri arrestati

I militari di Giuliano (NA) hanno creato finti indizi ai danni di un extracomunitario. L'obiettivo era ottenere un encomio. Ora le accuse sono di falso ideologico, calunnia, detenzione e porto illegale di armi clandestine.

  • ...

Un'indagine falsa, delle armi clandestine e una vittima innocente. Tutto per ottenere un encomio. È questa l'accusa con cui tre carabinieri di Giuliano, provincia di Napoli, sono stati arrestati dopo un'indagine coordinata dal gip Francesco Greco in collaborazione con l'aggiunto Domenico Airoma. Secondo una prima ricostruzione i tre militari, due sottufficiali ed un appuntato, avrebbero arrestato un extracomunitario accusandolo di custodire armi clandestine, pronte per essere usate in un attacco terroristico. Tutto per avere una medaglia in più da appuntare alla divisa. Le accuse sono di falso ideologico, calunnia, detenzione e porto illegale di armi clandestine.

UN NUOVO CASO PER LE FORZE DELL'ORDINE DOPO I POLIZIOTTI ROMANI. La notizia dell'arresto dei tre carabinieri arriva poche ore dopo che l'auto dell'imprenditore Carlo D'Aguano è andata a fuoco nella periferia di Roma. L'uomo è coinvolto nelle indagini di un presunto caso di corruzione che riguarda sei poliziotti della capitale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso