Metro Cairo
L'INCHIESTA
27 Giugno Giu 2018 1645 27 giugno 2018

Omicidio Regeni, i pm: «Nei video non ci sono immagini di Giulio, ma esistono buchi»

Per gli inquirenti italiani ed egiziani dalle immagini registrate non emergono elementi di indagine. Sono stati disposti accertamenti sui fotogrammi mancanti. 

  • ...

«Gli accertamenti compiuti dalla Procura di Roma e dalla Procura generale d'Egitto hanno permesso di verificare l'assenza, tra quanto si è riusciti a recuperare, di video o immagini relative a Giulio Regeni all'interno o in prossimità di stazioni della metro del Cairo». È quanto si legge in una nota dei due uffici giudiziari secondo cui «dall'esame delle registrazioni acquisite è emerso che vi sono diversi 'buchi' temporali in cui non vi sono né video né immagini» pertanto «sono necessarie ulteriori indagini tecniche per accertarne le cause»

BUCHI TEMPORALI NEI VIDEO. I filmati analizzati rappresentano il 5% del totale ripreso il 25 gennaio 2016 delle telecamere posizionate all'interno della metropolitana della Capitale egiziana. Il lavoro ha riguardato i video di tutta la linea 2 della metro e non soltanto quelli presenti nelle stazioni El Bohoth e Dokki (in quest'ultima fu agganciato per l'ultima volta il cellulare di Regeni) nell'orario compreso tra le 19 e le 21. Per gli inquirenti non è emerso nalcun «materiale di interesse investigativo». Sui buchi presenti nei video il procuratore generale d'Egitto, Nabeel Sadek, ha «effettivamente disposto investigazioni», è detto nel comunicato congiunto. «Non appena saranno completati gli accertamenti», hanno spiegato i due uffici giudiziari, «verrà organizzato un nuovo incontro per un confronto complessivo sulle attività di indagine».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso