Aquarius partita per Valencia
Migranti ed Europa
Migranti:Unhcr,2500 in Libia in 7 giorni
2 Luglio Lug 2018 2114 02 luglio 2018

Migranti, le mosse dell'Ue per chiudere la rotta del Mediterraneo

La Commissione europea si prepara a trasformare Frontex in una polizia di frontiera per sigillare la rotta mediterranea. Stretta su Ong, accordi con la Libia e sbarchi in Africa.

  • ...

L'Europa punta a blindarsi sul fianco sud, trasformando i suoi confini in una fortezza, per difendere l'area di libera circolazione Schengen. Sigillare la rotta del Mediterraneo centrale è l'imperativo categorico che emerge dal summit Ue. L'attenzione è tutta focalizzata sulla necessità di imprimere un ennesimo giro di vite, nonostante le nuove decine di migranti morti in mare.

VERSO LA RIDUZIONE COMPLESSIVA DEL FLUSSO. Dai rimpatri alla collaborazione con i guardacoste libici, dalla stretta sulle Ong al progetto di piattaforme di sbarco nei Paesi terzi: tutto indica un'unica direzione, sigillare l'ultima porta ancora spalancata verso l'Unione, riducendo gli arrivi dell'ultimo 5% dopo il calo del 95% dal picco massimo della crisi dei flussi, nell'ottobre 2015.

SUL TAVOLO LA TRASFORMAZIONE DI FRONTEX. Prossima tappa per mettere a punto strategia e tabella di marcia sarà il consiglio informale dei ministri dell'Interno dei 28, a Innsbruck, intorno al 10 luglio, dove la Commissione europea proporrà di trasformare Frontex in una vera e propria polizia di frontiera per spingere l'acceleratore sui rimpatri e raggiungere un tasso del 70% entro il 2019, andando avanti sulle piattaforme regionali di sbarco con i Paesi terzi, con accordi sul modello di quello Ue-Turchia.

NOVITA' LE PIATTAFORRME REGIONALI. A confermare la linea è stato il direttore esecutivo di Frontex, Fabrice Leggeri, che nelle conclusioni del vertice ha letto «fermezza» e «la fine di una certa ingenuità» delle capitali. «Per molto tempo si è guardato soprattutto all'aspetto umanitario, e non a quello dei gruppi criminali che si arricchivano su questa miseria umana, prendendo in ostaggio morale l'Europa», ha spiegato il leader dell'agenzia Ue. Ma la grande novità, ha evidenziato Leggeri, sono le piattaforme regionali: «I migranti salvati potranno essere sbarcati nel porto sicuro più vicino, quindi anche in porti non europei. Non c'è più un obbligo unilaterale dei Paesi europei a compiere salvataggi, ma tutti avranno il compito di farli», ha sottolineato soddisfatto. E in quei «tutti» indicati dal capo di Frontex, è compresa anche la Libia, che a breve riceverà mezzi dall'Italia per rafforzare i soccorsi.

BERTAUD: «MAI RIMPATRI IN LIBIA». «Non ci saranno mai dei rimpatri dell'Ue verso la Libia o navi europee che rimandano i migranti in Libia. È contro i nostri valori, il diritto internazionale e quello europeo. Siamo ben al corrente della situazione inumana per molti», ha avvertito la portavoce della Commissione europea Natasha Bertaud. Ma l'altra parte della storia racconta che «la Libia ha notificato la sua area di salvataggio in mare». Così, «quando il Centro di coordinamento e di salvataggio del Paese coordina un evento, tutte le imbarcazioni coinvolte dovranno rispettare i suoi ordini».

RIDIMENSIONATE LE ONG. A rispettarli dovranno essere soprattutto le Ong, che dal vertice escono fortemente ridimensionate. Emblematico il caso della Seawatch, sotto sequestro a Malta, mentre il comandante della Lifeline Carl Peter Reisch è stato interrogato dai giudici e posto in libertà provvisoria dietro cauzione con l'accusa di irregolarità nella registrazione della bandiera. Un processo, quello al capitano, dal forte sapore politico, mette in guardia la difesa della Ong.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso