Maltempo: Giappone, Abe cancella tour
9 Luglio Lug 2018 1033 09 luglio 2018

La situazione in Giappone dopo l'emergenza maltempo

Piogge torrenziali hanno devastato le regioni del Kansai e del Kyushu: oltre 100 morti e quasi 6 milioni di dispersi. La prefettura di Hiroshima è la zona più colpita.

  • ...

Il Giappone è vessato da un'ondata di maltempo che fino a ora ha causato oltre un centinaio di morti e bloccato il Paese, specialmente la zona occidentale e centrale (Kansai e Kyushu), con vie di comunicazione interrotte e fabbriche ferme. Secondo l'ultimo bollettino delle autorità nipponiche, le vittime accertate sono 112, altri 3 individui sono in condizioni critiche e i dispersi superano quota 80.
Gli ordini di evacuazione hanno riguardato un totale di 5,9 milioni residenti in 19 prefetture, con 30 mila persone costrette a pernottare nei centri di accoglienza da domenica.

NELLA ZONA DI HIROSHIMA IL NUMERO PIÙ ALTO DI VITTIME

Le forze dell'ordine – circa 50 mila persone – sono al lavoro per cercare di salvare chi è rimasto intrappolato e offrire assistenza agli sfollati. La prefettura di Hiroshima è la zona più colpita, con 44 persone dichiarate morte, ma ci sono vittime anche a Okayama, Ehime, Kyoto, Yamaguchi, Fukuoka, Kagoshima, Hyogo, Shiga, Gifu, Kochi e Saga. Inoltre, il rischio di allagamenti e smottamenti in nuove località del paese resta elevato, ha avvertito l'Agenzia meteorologica giapponese.

Nella prefettura di Okayama più di mille persone che avevano trovato rifugio sui tetti delle proprie abitazioni sono state messe in salvo dagli elicotteri e dalle imbarcazioni. Nel distretto di Mabicho circa 1.200 ettari di terreno risultavano sommersi dall'acqua, con 4.600 case completamente inondate. Per il ministero delle Infrastrutture, 17 operatori ferroviari hanno sospeso i servizi, e si stima che il processo per ripristinare i collegamenti di trasporto potrebbe durare mesi.

DAIHATSU E MAZDA SOSPENDONO LA PRODUZIONE

Le precipitazioni hanno bloccato anche la produzione di case automobilistiche. Daihatsu ha imposto lo stop nelle catene di assemblaggio dei veicoli in quattro prefetture - incluse quelle di Kyoto e Osaka - a causa delle difficoltà nel reperire i pezzi di ricambio. Decisione analoga presa dalla Mazda, almeno fino a martedì, negli stabilimenti delle prefetture di Hiroshima e Yamaguchi. I costruttori auto tengono in considerazione le problematicità per i dipendenti nel raggiungere il posto di lavoro, in seguito alle vaste alluvioni che hanno interrotto numerose arterie stradali e ferroviarie.

SPOSTATO IL SUMMIT PER L'ACCORDO SUL LIBERO SCAMBIO UE-GIAPPONE

In seguito alle gravi inondazioni è stato spostato anche il summit Ue-Giappone e la firma dell'accordo di libero scambio che era in agenda mercoledì 11 luglio a Bruxelles ed è stato spostato il 17 a Tokyo. Lo ha annunciato il portavoce della Commissione Ue Margaritis Schinas dopo la conversazione telefonica tra il presidente Jean-Claude Juncker e il premier giapponese Shinzo Abe.
Lo stesso premier giapponese ha annunciato la cancellazione del viaggio già pianificato in Europa e in Medio Oriente, per meglio coordinare le operazioni di soccorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso