Migranti Frontex Guardia Di Finanza
Cronaca
14 Luglio Lug 2018 0904 14 luglio 2018

Svuotato il barcone: i 450 migranti a bordo di navi Gdf e Frontex

Trasbordati i profughi a largo di Linosa. Francia e Malta ne prendono in carico 50 a testa. Il premier Conte esulta: «Finalmente l'Italia è ascoltata». La cronaca della giornata.

  • ...

Trasbordati e ridistribuiti con i Paesi dell'Ue. È finito così il viaggio travagliato di 450 migranti che erano su un barcone a largo di Linosa: 176 persone sabato 14 luglio sono state trasferite sul pattugliatore Protector inserito nel dispositivo Frontex, e altre 266 sul Monte Sperone della guardia di finanza. Otto persone, tutte donne e bambini, sono invece state trasportate a Lampedusa a bordo di motovedette della guardia costiera per motivi sanitari. Tra questi ultimi anche una donna incinta. Ma la notizia più politicamente rilevante è quella del contributo che altri Stati sono pronti a dare all'Italia sull'accoglienza.

FRANCIA E MALTA NE PRENDONO 50 A TESTA

Per i migranti è stata accordata una ridistribuzione. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte lo ha spiegato su Facebook, esultando: «Francia e Malta prenderanno rispettivamente 50 persone dei 450 migranti trasbordati sulle due navi militari. A breve arriveranno anche le adesioni di altri Paesi europei. È il primo importante risultato ottenuto oggi, dopo una giornata di scambi telefonici che ho avuto con tutti i 27 leader europei. Finalmente l'Italia è ascoltata».

Francia e Malta prenderanno rispettivamente 50 dei 450 migranti trasbordati sulle due navi militari. A breve arriveranno...

Geplaatst door Giuseppe Conte op Zaterdag 14 juli 2018

IL PREMIER MALTESE CONFERMA: «SAREMO SOLIDALI»

Con un tweet il premier maltese Joseph Muscat ha confermato l'intesa dopo la lettera inviata da Conte a Juncker, Tusk e ai leader Ue: «Ho parlato con il premier italiano Giuseppe Conte che ha chiesto solidarietà nel caso del barcone con 450 migranti sbarcati in Italia. Ho confermato che coerentemente con la nostra politic, parteciperemo a un'iniziativa di ridistribuzione. Malta non solo chiede, ma offre anche solidarietà».

SALVINI: «TRAGUARDO STORICO»

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini era stato categorico come al solito: «In Italia si arriva solo con mezzi legali», è stata la posizione espressa in un colloquio con il premier. Salvini ha aggiunto che «occorre stimolare un intervento europeo». E ancora: «I migranti si nutrono e si curano tutti a bordo, mettendo in salvo donne incinte e bambini, non possiamo cedere, la nostrea fermezza salverà tante vite e garantirà sicurezza a tutti. Non possiamo mostrare debolezze». Dopo l'intesa sui 100 migranti a Malta e Francia ha telefonato a Conte per congratularsi: «Complimenti al presidente per i risultati che sta ottenendo nella gestione dei 450 immigrati. Un traguardo che direi storico per coerenza, concretezza e velocità. Il nostro è il governo del vero cambiamento. Avanti così».

CONTE: «NON PIÙ DISPOSTI A OCCUPARCENE DA SOLI»

Il presidente del Consiglio è rimasto per tutta la giornata in costante contatto con Viminale, Farnesina e ministero dei Trasporti e con i responsabili delle unità di soccorso. Ed è stata inviata ai presidenti Juncker e Tusk e agli altri leader europei una lettera volta a sollecitare l'applicazione immediata anche a questo caso dei principi europei affermati nel corso dell'ultimo Consiglio europeo di fine giugno. «L'Italia non è più disposta a farsi carico in modo isolato di un problema che riguarda tutti i Paesi europei».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso