Inps
19 Luglio Lug 2018 1325 19 luglio 2018

I dati dell'osservatorio Inps sul lavoro nel 2018

Nei primi 5 mesi del 2018 aumentano i rapporti a tempo indeterminato rispetto all'anno precedente. Buoni anche i frutti del bonus giovani, ma presentate più domande per l'assegno di disoccupazione. 

  • ...

Nei primi cinque mesi del 2018 la variazione netta dei rapporti a tempo indeterminato è pari a 145.805. È questo il saldo tra assunzioni e cessazioni di contratti stabili, stando all'Osservatorio dell'Inps. La cifra risulta in crescita a confronto con lo stesso periodo del 2017 (34.474). Nel complesso, le assunzioni nel privato sono aumentate del 9,8% su base annua. In crescita tutte le componenti: tempo indeterminato +3,1%, apprendistato +13,7%, tempo determinato +8,4%, stagionali +7,0%, somministrazione +21,5% e intermittenti +8,8%. Nello stesso periodo si conferma l'aumento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato (+70.000), che registrano un forte incremento rispetto al periodo gennaio-maggio 2017 (+45,7%)".

I FRUTTI DEL BONUS GIOVANI

Sono inoltre stati incentivati 50.998 rapporti di lavoro con i benefici previsti dall'esonero triennale strutturale per i contratti a tempo indeterminato di giovani. Si tratta del bonus previsto dalla legge di bilancio (si paga il 50% dei contributi previdenziali per le assunzioni stabili di under 35). Poco più della metà, 28.174 contratti, sono riferiti ad assunzioni mentre i restati, 22.824, sono relativi a trasformazioni a tempo indeterminato. Il numero dei rapporti incentivati è pari al 6,9% del totale dei rapporti a tempo indeterminato attivati.

CASSA INTEGRAZIONE IN DIMINUZIONE

Nel mese di giugno il numero di ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate è stato pari a 19,5 milioni, in diminuzione del 18,1% rispetto a maggio e del 27,6% su base annua. Nel dettaglio, la cig ordinaria è scesa del 9,4% rispetto al mese precedente e del -3,5% in termini tendenziali; la cassa straordinaria è calata del 25,0% su maggio e del 29,4% a confronto con lo stesso mese dell'anno prima; mentre gli interventi in deroga hanno registrato un ribasso del 47,5% su base congiunturale e del 96,4% se raffrontati con giugno 2017.

AUMENTO DELLE DOMANDE PER DISOCCUPAZIONE

A maggio sono state presentate nel complesso 102.274 domande di disoccupazione con un aumento del 4,0% su base annua. Nel dettaglio sono state presentate 100.075 domande di Naspi, 1.150 di Discoll, e 1.049 di Aspi, disoccupazione e mobilità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso