Serratia Marcescens Infezione
Cronaca
11 Agosto Ago 2018 1650 11 agosto 2018

Quale infezione provoca il batterio serratia marcescens

Dieci casi di contagio agli Spedali Civili di Brescia, un neonato è morto. Il microrganismo è comune nell'apparato respiratorio e urinario negli adulti, nei bambini attacca il sistema gastrointestinale.

  • ...

Serratia marcescens è il batterio responsabile della morte di un neonato agli Spedali Civili di Brescia e di altri nove casi di contagio. Secondo quanto affermano i microbiologi, sta sviluppando particolari forme di resistenza agli antibiotici (leggi anche: Neonato muore in ospedale a Brescia per un batterio).

BATTERIO RESPONSABILE DEL 6,5% DELLE INFEZIONI IN TERAPIA INTENSIVA

Nel 2017 un'epidemia all'ospedale La Paz di Madrid aveva costretto il ministero della Salute spagnolo a chiudere l'unità di Terapia intensiva neonatale dopo il contagio di 51 bambini. Il batterio può causare pericolosi focolai proprio negli ospedali, dove negli ultimi anni è cresciuto l'allarme per il fenomeno delle infezioni in corsia. I risultati di un programma di sorveglianza negli Stati Uniti e in Europa indicano che Serratia marcescens è responsabile in media del 6,5% di tutte le infezioni originate da batteri Gram negativi in terapia intensiva.

ATTACCA LE VIE RESPIRATORIE E IL SISTEMA GASTROINTESTINALE

Attualmente rappresenta la settima causa più comune di polmonite, con un'incidenza del 4,1% negli Stati Uniti, del 3,2% in Europa e del 2,4% in America Latina, e la decima causa più comune di infezione del flusso sanguigno con un'incidenza del 2,0% tra i pazienti ospedalizzati. Il catetere urinario, ad esempio, è un importante fattore di rischio per l'infezione. Serratia marcescens, in grado di produrre un caratteristico pigmento rosso, è pericoloso anche per le vie respiratorie e in rari casi provoca problemi al cuore. Il principale veicolo di contagio è il contatto diretto con il personale ospedaliero. Può causare congiuntiviti, infiammazioni alla cornea, oftalmie e infezioni al dotto lacrimale. È comune nell'apparato respiratorio e urinario negli adulti, mentre nei bambini attacca principalmente il sistema gastrointestinale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso