Estorsione Droga Clan Mafia Basilicata Puglia
Cronaca
4 Ottobre Ott 2018 1436 04 ottobre 2018

Estorsioni e droga, sgominati tre clan tra Basilicata e Puglia

Maxi-operazione di Polizia, Carabinieri e Finanza. In tutto, sono stati effettuati 25 arresti e perquisizioni in varie città.

  • ...

Centinaia di uomini della Polizia, dei Carabinieri e della Guardia di finanza hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Potenza nei confronti di 25 presunti appartenenti a tre diverse organizzazioni criminali, una delle quali di stampo mafioso, che operavano su tutto il litorale jonico-lucano, tra Basilicata e Puglia, e dedite alle estorsioni e al traffico di droga, soprattutto cocaina e hashish. Sono state effettuate anche 22 perquisizioni finalizzate alla ricerca di armi e droga e sequestri di beni, terreni e attività imprenditoriali nelle province di Matera, Potenza, Bari, Lecce, Foggia, Milano e Salerno.

«UNA REALTÀ CRIMINALE DI ECCEZIONALE PERICOLOSITÀ»

L'inchiesta ha portato alla scoperta, sulla costa jonica della Basilicata, di «una realtà criminale di eccezionale pericolosità», come riferito dalla Direzione distrettuale antimafia presso la Procura della Repubblica, che ha coordinato le indagini di Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza. I clan sgominati con gli arresti, Schettino, Donadio e Russo, erano - uno in particolare - «in costante collegamento con i sodalizi criminali operanti nelle regioni limitrofe». Ad ogni modo avevano «sviluppato una propria autonoma capacità di intimidazione e di 'governo' criminale del territorio, inducendo assoggettamento ed omertà». La Dda di Potenza ha definito «assi preoccupante», infatti, «la circostanza che la collaborazione delle vittime di estorsioni, incendi, violenze, sia stata molto scarsa».

UN EX CARABINIERE A CAPO DI UNO DEI TRE CLAN

Uno dei tre clan operanti sulla costa jonica era capeggiato da Gerardo Schettino, un ex carabiniere di 53 anni, che fu arrestato per la prima volta nel 2004. Il clan che capeggiava è considerato dagli investigatori e dalla Direzione distrettuale antimafia di Potenza dotato di una «mafiosità emersa in tutta la sua evidenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso