Etichette Europee Carburanti Guida
Cronaca
Aggiornato il 12 ottobre 2018 10 Ottobre Ott 2018 1915 10 ottobre 2018

La guida alle nuove etichette europee per i carburanti

Dal 12 ottobre cambiano i nomi di benzina, diesel e gas. Uniformi in tutta l'Ue. Come riconoscere simboli e lettere per non rimanere disorientati al distributore.

  • ...

Da venerdì 12 ottobre 2018 debuttano le etichette europee per benzina, diesel e gas. Sulle auto nuove si troveranno in prossimità del tappo del serbatoio, nelle stazioni di servizio sia sul distributore, sia sulla pistola della pompa per l'erogazione. Per fare rifornimento bisognerà quindi abituarsi ai nuovi nomi dei carburanti, previsti da una direttiva dell'Unione europea che mira a diffondere un’infrastruttura uniforme per i combustibili alternativi. In futuro la misura dovrebbe interessare anche le auto elettriche. Ecco le cose da sapere.

I nuovi simboli dei carburanti che debuttano dal 12 ottobre.

Le nuove etichette sono identiche nei 28 Paesi dell'Ue più Islanda, Lichtenstein, Norvegia, Macedonia, Serbia, Svizzera e Turchia. Per la benzina i simboli sono circolari, per il gasolio quadrati e per i gas a forma di rombo. All'interno del relativo simbolo per la benzina la nuova sigla sarà la E, per il diesel la B. Più un eventuale numero, che indica la percentuale di componenti "bio".

  • E5 identifica la benzina che contiene il 5% di alcol etanolo;
  • E10 identifica la benzina che contiene il 10% di alcol etanolo;
  • E85 identifica la benzina che contiene l’85% di alcol etanolo;
  • B7 identifica il diesel che contiene il 7% di componenti bio;
  • B10 identifica il diesel che contiene il 10% di componenti bio;
  • B100 identifica il biodiesel puro;
  • XTL identifica il gasolio sintetico non derivante dalla raffinazione del greggio;
  • H2 identifica l'idrogeno;
  • CNG identifica il gas naturale compresso;
  • LPG identifica il Gpl;
  • LNG identifica il gas naturale liquefatto.

IN ITALIA LA BENZINA ADDIZIONATA CON L'ETANOLO NON VIENE DISTRIBUITA

È bene ricordare che in Italia non viene distribuita benzina addizionata con etanolo, quindi l'unica sigla che si vedrà per la benzina sarà la E. Cambierà molto per gli automobilisti? Secondo l'Unione Petrolifera non ci sarà il rischio di confondersi, perché le etichette saranno affiancate da quelle tradizionali. Inoltre, come detto sopra, il numero indicante la percentuale di biocarburante potrà trovarsi solo nelle pompe del gasolio. Insomma: per gli utenti sarà sufficiente, prima del rifornimento, controllare il tipo di combustibile del proprio veicolo, per poterlo associare con quello dell'impianto di distribuzione. Per le auto immatricolate prima dell'entrata in vigore della normativa, invece, basterà consultare il relativo manuale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso