Mafia Foggia Squadra Calcio
Cronaca
30 Novembre Nov 2018 0851 30 novembre 2018

L'inchiesta sulla mafia a Foggia coinvolge la squadra di calcio

Trenta arresti tra gli appartenenti ai clan Moretti-Pellegrino-Lanza e Sinesi-Francavilla, sgominata la rete responsabile delle estorsioni ai danni di negozianti e imprenditori.

  • ...

Blitz contro la mafia foggiana: nella prima mattinata del 30 novembre è partita un'operazione di polizia e carabinieri che ha visto coinvolti 200 uomini e che ha portato all'arresto di trenta esponenti di rilievo appartenenti a famiglie della criminalità organizzata della provincia. Le accuse ipotizzate dalla Dda di Bari che ha coordinato l'inchiesta sono, a vario titolo, di associazione di stampo mafioso, tentato omicidio, estorsioni e porto illegale di armi. Le misure sono scattate nei confronti di esponenti delle batterie Moretti-Pellegrino-Lanza e Sinesi-Francavilla.

PRESSIONI SUL FOGGIA CALCIO

Tutte le persone fermate sono note alle forze dell'ordine e sono considerati appartenenti ai due clan coinvolti. Una decina i pregiudicati che si trovano già in carcere. Secondo gli investigatori i trenta indagati sarebbero i responsabili di tutti gli episodi di estorsione nei confronti di negozianti ed imprenditori a Foggia. Le indagini hanno riguardato il periodo compreso tra i primi mesi del 2017 fino ad oggi. Dagli atti delle indagini emergono anche presunte pressioni che sarebbero state esercitate negli anni scorsi su dirigenti, ex dirigenti ed ex allenatore del Foggia Calcio per l'ingaggio di un calciatore foggiano. E tra gli indagati, è emerso anche, ci sarebbe il nome di Rodolfo Bruno, il pluripregiudicato foggiano ucciso lo scorso 15 novembre all'interno di un bar alla periferia di Foggia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso