Dottori Aggrediti Crotone
Cronaca
4 Dicembre Dic 2018 1918 04 dicembre 2018

Aggrediti quasi sette medici su 10, soprattutto al Sud

L'ultima in ordine di tempo ad essere colpita è stata una dottoressa di Crotone. Ma in Italia oltre i 65% dei camici bianchi ha dichiarato di aver subito un attacco da parte dei pazienti. I numeri.

  • ...

L'ultima in ordine di tempo è stata una dottoressa dell'ospedale civile "San Giovanni di Dio" di Crotone, aggredita e ferita, mentre stava lasciando il presidio al termine del turno di lavoro. La donna è stata colpita con un cacciavite allo stomaco, ma ha riportato feite anche al collo e alla testa. L'aggressore è stato fermato dalla polizia grazie all'intervento di un venditore ambulante marocchino, Mustafa Al Aoudi. Dal tentativo di strangolamento fino a stupri o vere e proprie spedizioni punitive, ma anche parolacce e insulti. Il 66% dei medici, ovvero quasi 7 su 10, dichiara di aver subito un'aggressione da parte dei pazienti. Di questi, oltre due su tre sono stati aggrediti verbalmente, mentre la restante parte fisicamente.

MAGGIOR PARTE DELLE AGGRESSIONI AL SUD

È una sorta di bollettino di guerra quello che emerge dall'ultimo sondaggio condotto dal sindacato Anaao Assomed. Le aree più a rischio sono la psichiatria e il pronto soccorso, ma soprattutto i pericoli maggiori si corrono nel Mezzogiorno: arriva infatti al 72% nel Sud e nelle Isole il numero di medici che denuncia aggressioni, e sale all'80% tra chi, di loro, lavora nei pronto soccorso.

34% DEI MEDICI AGGREDITI NEI REPARTI DI PSICHIATRIA

«Il quadro», secondo Costantino Troise, segretario dell'Anaao, «è estremamente preoccupante». Nello specifico, secondo l'indagine Anaao condotta nella prima metà dell'anno su un campione di 1.280 iscritti, il 34% delle aggressioni fisiche ha riguardato medici dei reparti di Psichiatria/SERT e il 20% i medici di Pronto soccorso/118, seguono medicina interna (7%), chirurgia generale (4%). Il 23% degli intervistati ha risposto di essere a conoscenza di casi di aggressione da cui è scaturita invalidità permanente o decesso.

L'ESCALATION NEGLI ULTIMI ANNI

Smarrimento, rabbia e solitudine sono i sentimenti più diffusi in chi ne è vittima. Quanto alle cause, i medici le attribuiscono a fattori socio-culturali per il 37%, al definanziamento del Servizio Sanitario per il 23%, a carenze organizzative per il 20%. Negli ultimi anni, ha commentato Troise, «abbiamo assistito a un escalation» e «la frustrazione dei pazienti aumenta laddove ci sono più carenze di personale e di posti letto». Tra le iniziative in cantiere, ha annunciato la Fnomceo, una raccolta di firme a sostegno di una proposta di legge volta a equiparare le aggressioni contro gli operatori sanitari a quelle contro un pubblico ufficiale, con conseguente aumento delle pene e possibilità di procedere d'ufficio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso