Portafoglio Brenta Lavoro

Restituisce portafoglio con 900 euro: assunto dal proprietario

Un 59enne di origini marocchine ha trovato e riconsegnato il borsello con tutto il suo contenuto a Vicenza. Ingaggiato dopo un colloquio dalla ditta dell'imprenditore che l'aveva perso.

  • ...

Un presente difficile, per la mancanza di un lavoro e le necessità quotidiane di una moglie e tre figli minori da mantenere, ma Omar, 59enne di origini marocchine, non ci ha pensato un attimo: quel portafoglio pieno di soldi, carte di credito e documenti raccolto per caso da terra andava restituito al proprietario. Un'azione che gli ha permesso di trovare un lavoro come segno di gratitudine proprio dall'uomo che aveva smarrito lungo l'argine del fiume Brenta il borsello contenente il portafoglio.

Famiglia di Cartigliano passeggiando nel percorso vita in Brenta trova portafoglio con più di 800,00 euro, oltre a carte...

Geplaatst door Comune di Cartigliano op Maandag 14 januari 2019

Omar, da 30 anni in Italia, lo ha trovato domenica scorsa mentre stava passeggiando da solo a Cartigliano, nel vicentino. Dentro c'erano 900 euro in contanti, quasi un mese della paga di operaio nella ditta in cui lavorava fino a sei anni fa, prima che chiudesse l'attività e lasciasse a casa dopo 16 anni i dipendenti dopo essere stata assorbita da una multinazionale.

RINGRAZIATO CON UN COLLOQUIO DI LAVORO

Eppure per l'uomo l'unica urgenza è stata quella di consegnarlo il mattino dopo nelle mani del sindaco Guido Grego che si è adoperato per scovare il proprietario. È bastato poco per scoprire che si trattava di un dirigente della Conceria Finco di Bassano, che aveva distrattamente appoggiato il borsello sull'auto dopo aver fatto benzina in una stazione di servizio, facendolo volare a terra al momento di ripartire. Riavuto il portafoglio e appresa la storia triste di Omar, licenziato senza colpa, il funzionario è riuscito a fargli avere un colloquio di lavoro con il suo capo, Bernardo Finco, alla guida di un'azienda con 120 dipendenti. Poche parole, uno sguardo ai vestiti modesti ma pulitissimi e l'imprenditore ha capito che Omar faceva al caso suo: per lui da lunedì prossimo si apriranno le porte della sede di Bassano della conceria.

«CI SEMBRAVA IL MINIMO»

«Abbiamo ritenuto di fare un colloquio», spiega Finco, «perché ci sembrava il minimo, una persona di questa onestà va conosciuta, non aveva fatto domanda da noi ma aveva bisogno di lavoro e in questo momento il nostro settore offre delle opportunità. Lavorerà in reparto». Soddisfatto dell'esito positivo della vicenda anche il sindaco di Cartigliano, a capo della lista civica 'Un'amministrazione per tutti', che aveva voluto pubblicare su Facebook una foto insieme ad Omar e alla moglie con il commento "Bravi, cittadini onesti". «Quella accaduta in questi giorni è una storia bellissima con un finale da favola», sottolinea, «pero che raccontarla aiuti tutti a riflettere sull'importanza di tenere un comportamento onesto ed essere da esempio per i propri familiari e gli altri».

18 Gennaio Gen 2019 1937 18 gennaio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso