Manuel Scavone Lecce Ascoli

Cos'è successo al calciatore Manuel Scavone durante Lecce-Ascoli

Il centrocampista dei pugliesi è caduto a terra dopo un contrasto aereo e ha perso i sensi. Ambulanza in campo, partita rinviata. Ma durante il trasporto in ospedale il 31enne era cosciente.

  • ...

Ci sono stati momenti di paura allo stadio di Via del Mare, a Lecce, nel corso dell'anticipo di venerdì primo febbraio 2019 della 22esima giornata del campionato di calcio di Serie B. Il centrocampista della squadra pugliese Manuel Scavone, dopo uno scontro aereo con Beretta dell'Ascoli, è caduto pesantemente a terra, perdendo i sensi. Il giocatore è stato soccorso e portato fuori dal campo in ambulanza. La partita è stata inizialmente sospesa dall'arbitro Niccolò Baroni e poi rinviata a data da destinarsi.

L'ambulanza in campo per soccorrere Manuel Scavone.
Ansa

Scavone è stato trasportato per le cure nell'ospedale Vito Fazzi di Lecce. Si è appreso che il giocatore, al momento del trasporto nel nosocomio, era cosciente. I giocatori delle due squadre sono apparsi molto scossi per l'accaduto. Scavone, classe 1987, è alla sua prima stagione al Lecce, in prestito dal Parma. Nel 2018-19 ha segnato due gol in 16 presenze in campionato. Ha iniziato la sua carriera nell'Alto Adige, poi ha giocato anche con le maglie di Novara, Bari e Pro Vercelli.

LECCE E ASCOLI NEL RICORDO DI MIMMO RENNA

Una giornata che era cominciata male per il calcio leccese, colpito dalla morte di Mimino Renna, 81 anni, giunta per una emorragia celebrale proprio nel giorno di Lecce-Ascoli, le due squadre che ha più amato e a cui ha legato i suoi principali successi da allenatore. A lui è legata la storica promozione del Lecce in Serie B nella stagione 1975-1976, dopo 27 anni che mancava, la Coppa Italia di categoria e la Coppa Italo-Inglese. Nella stagione 1977-1978 guidò l'Ascoli dei record dello storico presidente Costantino Rozzi, con cui ottenne la promozione in Serie A con due mesi di anticipo con 61 punti, stabilendo il record assoluto di punti totalizzati in un campionato di Serie B a 20 squadre. Nella sua lunga carriera da allenatore ha anche guidato Bari, Palermo, il Catania del vulcanico presidente Massimino, Taranto, ottenendo la promozione in Serie B, Casertana e Livorno.

Mimmo Renna.
1 Febbraio Feb 2019 2142 01 febbraio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso