Latte Sardegna Protesta Pastori

La protesta dei pastori sardi contro il prezzo del latte

Le aziende pagano 55 centesimi, 44 se di capra, per ogni litro. Gli allevatori, che scioperano da inizio febbraio, chiedono almeno un euro più iva. «Altrimenti meglio buttarlo via».

  • ...

Litri di latte ovino e caprino versati in strada o nei campi. È questo il simbolo della protesta dei pastori sardi che da giorni sversano il liquido alimentare invece di consegnarlo alle grandi industrie della trasformazioni. Perché le grosse aziende casearee e della distribuzione pagano il prodotto alimentare agli alleavatori appena 55 centesimi al litro se di pecora oppure 44 se di capra. Troppo pochi secondo chi, da inizio febbraio 2019, sta chiedendo a gran voce un euro più iva per ogni litro di latte prodotto e pastorizzato. Una protesta che si è estessa a tutta la Sardegna con picchetti e posti di blocco lungo le principali arterie autostradali.

BLOCCATA LA SQUADRA DEL CAGLIARI

Nella tarda mattina di sabato 9 febbraio un gruppo di allevatori si è recato davanti al centro sportivo di Assemini, luogo dove si allena il Cagliari, bloccandone l'ingresso. Gli uomini volevano parlare con con i giocatori e i dirigenti per chiedere il sostegno della società. Dopo una lunga trattativa, partita con la richiesta di non giocare domenica sera contro il Milan, i pastori si sono accontentati che i calciatori partecipassero al gesto simbolico della protesta, ovvero il versamento dei bidoni del latte sull'asfalto. Solo dopo questa concessione il gruppo di allevatori ha sgombrato la strada permettendo al club di uscire dal centro sportivo.

ASSALTATO UN CASEIFICIO A SASSARI

Da registrare anche un assalto da parte di alcuni manifestatni al caseificio Pinna di Thiesi, in provincia di Sassari. L'azienda è una delle più grandi industrie del settore caseario presenti in Sardegna. Decine di pastori stavano protestando davanti all'edificio, quando qualcuno ha iniziato a lanciare contenitori di latte contro i muri perimetrali. Poii è stata la volta delle vetrate che, una volta sfondate, hanno aperto il passaggio agli uffici dell'industria al cui interno sono stati svuotati diversi bidoni da 50 litri. In totale sono stati versati sull'asfalto circa 30 mila euro di latte.

9 Febbraio Feb 2019 1734 09 febbraio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso