Francesco Strangio Latitante Ndrangheta

Chi è Francesco Strangio, il super latitante catturato in Calabria

Il boss della 'ndrangheta deve scontare una condanna a 14 anni per narcotraffico internazionale. Scomparso dal gennaio 2018, è stato rintracciato in una mansarda di Rose, piccolo centro del Cosentino

  • ...

È stato catturato nella notte dai carabinieri di Reggio Calabria e Cosenza il super latitante Francesco Strangio, definito dagli stessi militari «pericoloso». Strangio, in fuga da olrte un anno, è stato rintracciato a Rose, piccolo centro del Cosentino. Si nascondeva in un appartamento all'ultimo piano di un condominio che si trova nel centro abitato.

APPARTENENTE ALLA COSCA STRANGIO JANCHI-DI SAN LUCA

Strangio è stato definito dai carabinieri un «pluripregiudicato» e ritenuto contiguo alla cosca Strangio-Janchi di San Luca. il latitante deve scontare una condanna a 14 anni di reclusione per narcotraffico internazionale per avere negoziato e gestito l'importazione di ingenti quantità di cocaina dal Sudamerica. Nell'operazione che ha portato all'arresto di Strangio sono stati impiegati anche i carabinieri dello squadrone Cacciatori di Vibo Valentia. Strangio era irreperibile dal gennaio 2018 e fceva parte dell'elenco «latitanti pericolosi».

LEGGI ANCHE: Cosa sappiamo sull'inchiesta contro la 'ndrangheta in Val d'Aosta

Soddisfazione è stata espressa dal ministro dell’Interno Matteo Salvini: «Grazie alle forze dell’ordine, che ogni giorno ci fanno essere orgogliosi di loro. L’arresto di questo criminale ne è la conferma. Non ci fermeremo qui». «Lo scorso Ferragosto avevamo organizzato proprio a San Luca il Comitato nazionale ordine e sicurezza pubblica: volevamo mostrare a tutti che lo Stato c'è e non molla. L'arresto di questo criminale ne è la conferma. Non ci fermeremo qui».

15 Febbraio Feb 2019 0847 15 febbraio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso