Marco Magni Sepsi Cosa È

Marco Magni morto a Pratovecchio per sepsi fulminante

L'impreditore del casentinese è deceduto il 3 marzo all'ospedale Bibbiena per una grave forma di setticemia da pneumococco. Quali sono i sintomi e le cure dell'infezione che uccide più dell'infarto.

  • ...

Marco Magni, imprenditore di Pratovecchio molto conosciuto nel settore dell'arredamento casa, è morto per sepsi fulminante la mattina del 3 marzo 2019. Un lutto improvviso che ha sconvolto la comunità casentinese della provincia di arezza Arezzo.

Il 49enne aveva accusato sintomi lievi, riconducibili alle classiche influenze stagionali, come febbre alta e diarrea nella giornata di sabato sabato 2 marzo. Ma le cure a base di anti-piretici e anti-influenzali non hanno funzionato mentre le condizioni dell'imprenditore sono peggiorate di ora in ora, tanto da richiedere l'intervento del pronto soccorso. Ma per l'uomo era ormai troppo tardi e il suo decesso è avvenuto nell'ospedale di Bibbiena a causa di un arresto cardiaco davanti a cui i medici non hanno potuto fare nulla nonostante i tentativi di rianimazione.

LE INDAGINI SULLA MORTE DI MARCO MAGNI

Ora è in previsione una autopsia all'ospedale San Donato di Arezzo per stabilire esattamente le cause della morte, anche se ormai è chiaro che il suo corpo era stato aggredito da una forma di sepsi fulminate, e se i sanitari dell'ospedale di Bibbiena hanno fatto tutto quello che era in loro potere per salvare la vita di Marco Magni. L'impreditore era molto conosciuto nel Casentino, soprattutto per il suo impegno sportivo. Era stato il fondatore del Roma Club di Arezzo e seguiva la squadra di calcio locale, il Pratovecchio Stia, di cui era stato dirigente.

COSA È LA SEPSI E QUALI SONO I SUOI SINTOMI

La sepsi, conosciuta anche come setticemia è una gravissima infezione che infezione che in media uccide 10 volte più dell'infarto, una volta ogni tre-quattro secondi. Si tratta di una delle malattie infettive più gravi, anche se rimane ancora poco conosciuta. Il morbo affligge ogni anno circa 20-30 milioni di persone in tutto il mondo e ha una mortalità altissima, tra il 20% e il 40% dei casi, anche se esistono vaccini e antibiotici per contrastarla.

4 Marzo Mar 2019 1242 04 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso