Incidente Aereo Colombia

Aereo in fiamme dopo l'atterraggio d'emergenza in Colombia

Tutti e 12 gli occupanti di un DC-3, della compagnia privata Laser, sono morti in seguito a un incendio. Il pilota aveva lanciato l'allarme.

  • ...

C'è stato un grave incidente aereo in Colombia: secondo il sito del quotidiano locale El Tiempo, i 12 occupanti di un DC-3, della compagnia privata Laser (Latinoamericana de Servicios Aéreos), sono morti in seguito all'incendio del velivolo quando il pilota ha tentato di compiere un atterraggio di emergenza a San Martin, nel dipartimento di Meta. L'aeronautica civile ha reso noto che il pilota aveva dato l'allarme attorno alle 10.40 locali, mentre si stava dirigendo verso la città di Villavicencio. Nessuno degli occupanti è sopravvissuto, hanno informato i soccorritori. L'aereo era partito da Taraira, aveva fatto scalo nell'aeroporto di San José del Guaviare. Lo schianto è avvenuto a circa metà viaggio.

Incidente aereo in Colombia per un DC-3 della compagnia privata Laser.

La Colombia è tristemente nota per un altro incidente aereo, ancora più grave. A fine 2016 un aereo con 81 persone a bordo partito dalla Bolivia e diretto all'aeroporto internazionale di Medellín si schiantò. Sul volo viaggiava la squadra di calcio brasiliana della Chapecoense, diretta a Medellín per giocare la prima finale della sua storia in Copa Sudamericana, l'equivalente della nostra Europa League. I motivi della tragedia? L'aereo aveva finito il carburante. A confermarlo era stato lo stesso pilota nell'ultima comunicazione con la torre di controllo. «Signorina, Lima May India è in avaria totale, avaria elettrica totale, senza carburante», furono le parole del comandante Miguel Quiroga, alla cloche del volo della LaMia, poi precipitato. Sull'aereo viaggiavano i 22 giocatori convocati, 28 tra membri dello staff tecnico e della dirigenza, 22 giornalisti e 9 membri dell'equipaggio. «È una tragedia di proporzioni enormi», disse il sindaco di Medellín, Federico Gutierrez.

9 Marzo Mar 2019 2115 09 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso