Venezuela
Venezuela nel caos
News Venezuela Blackout
Cronaca
9 Marzo Mar 2019 2000 09 marzo 2019

Il blackout in Venezuela ha provocato morti e disagi

La luce è mancata giovedì e sabato. Deceduti 14 pazienti negli ospedali. Mentre il 96% del Paese è rimasto offline. La situazione.

  • ...

Un blackout nazionale che ha provocato anche 13 morti. È ciò che è accaduto in un Venezuela sempre più nel caos, dove da giovedì 7 marzo 2019 è mancata a tratti la corrente elettrica. Senza luce e senza generatore è rimasto anche l'ospedale Manuel Nunez Tovar di Maturin, capitale dello Stato Monegas (Nord-Est del Venezuela): qui sono deceduti per questo motivo 13 pazienti, come denunciato su Twitter da Julio Castro, un medico specialista locale. Alle 11.30 (le 16.30 in Italia), ha scritto Castro, sono morti nove pazienti ricoverati nel servizio di emergenza, due in ostetricia, uno in traumatologia e uno in terapia intensiva neonatale. Una vittima pure all'ospedale di Maracay.

SCOLLEGATO DA INTERNET IL 96% DEL VENEZUELA

Alle 16.40 (ora italiana) di sabato 9 marzo si è verificato poi il secondo blackout che ha lasciato il 96% del Paese scollegato da internet. Lo ha reso noto su Twitter Netblocks, associazione che si dedica a monitorare l'accesso alla Rete a livello globale, in base all'analisi dei dati di collegamento dal Paese sudamericano.

CARACAS SENZA SEMAFORI, PROBLEMI IN 10 STATI

Intorno alle 9.45 (le 14.45 in Italia) la rete di semafori di Caracas ha smesso di funzionare, come dimostrano le immagini e i video caricati sui social. Si segnala inoltre che varie zone della regione metropolitana della capitale, dove la luce era tornata poche ore prima, sono tornate a essere senza energia elettrica. Il portale news Hispanopost, dopo un monitoraggio di fonti locali, ha annunciato che continuano le segnalazioni di gravi problemi sulle reti elettriche anche negli Stati di Anzoategui, Falcon, Mérida, Aragua, Carabobo, Tachira, Portuguesa, Trujillo, Miranda e Zulia.

PER IL GOVERNO LA LUCE È TORNATA NEL 70% DEL PAESE

Diosdado Cabello, presidente dell'Assemblea costituente e numero due del partito di governo in Venezuela, Psuv, ha detto: «Per fortuna siamo riusciti a ristabilire il servizio elettrico nel 70% del Paese». Cabello ha parlato a margine della Marcia Antimperialista convocata dal governo di Nicolas Maduro a Caracas. Riferendosi a Guaidò, Cabello ha detto che «l'usurpazione che sta tentando sulla presidenza non ha avuto e non avrà successo» e che «vuole costantemente fare del danno al nostro popolo, chiedendo sanzioni, chiedendo il blocco, chiedendo che gli taglino la luce al popolo, agli ospedali, alle cliniche, a quelli che sono malati». Quanto al blackout che paralizza il Paese da giovedì, Cabello ha spiegato che «è l'imperialismo che sta attaccando, hanno attaccato il cervello, la banca dati del sistema, i server. Li hanno attaccati fisicamente e li hanno attaccati tecnologicamente, con mezzi cibernetici».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso