Modena Donna Morta Omicidio

Cosa sappiamo sulla donna trovata morta a Modena

Il corpo è stato rinvenuto privo di vita in un canale della città. Presentava segni evidenti di violenza. Le forze dell'ordine sospettano si tratti di un brutale omicidio.

  • ...

Mistero a Modena dopo il ritrovamento nella tarda mattinata di domenica 7 aprile 2019 del corpo privo di vita di una donna. Il ritrovamento è stato fatto in un canale in stradello Toni del comune dell'Emilia Romagna da un passante. L'uomo era uscito di casa per portare a passeggio il cane quando ha trovato il corpo esanime della donna.

PER LA POLIZIA SI TRATTA DI OMICIDIO

Sul posto è arrivata la Squadra Mobile della Polizia di Stato. Subito attivato il 118 che ne ha constatato la morte, sul posto anche il medico legale per i primi rilievi del caso. Secondo le prime indiscrezioni sul corpo della giovane erano evidenti segni di violenza. Questo avrebbe spinto chi sta indagando sul misterioso decesso a pensare alla pista dell'omicidio aprendo di fatto un'indagine contro ignoti. Non è invece chiaro da quanto tempo la giovane straniera si trovasse lì. Successivamente è arrivato a Modena anche il reparto degli esperti della scientifica che si è messo subito al lavoro per risolvere l'enigma.

FERMATO UN UOMO DI 41 ANNI

Nella tarda serata del 7 aprile un uomo è stato fermato per la morte della donna. Leopoldo Salici, 41 anni, si è costituito nel tardo pomeriggio nella caserma dei carabinieri e poi è stato interrogato dal pm Angela Sighicelli. Nel frattempo la vittima è stata identificata, si tratta di Benedita San, 40 anni, prostituta nigeriana, che sarebbe stata uccisa a sprangate. L'omicidio potrebbe essere avvenuto a seguito di una lite per un rapporto non consumato, o non gradito. Secondo le indagini della squadra mobile della Polizia, la 40enne sarebbe morta per le ferite alla testa e al volto e sarebbe stata uccisa in un luogo diverso da quello del ritrovamento.

Aggiornato il 08 aprile 2019 7 Aprile Apr 2019 1440 07 aprile 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso