25 Aprile Salvini Corleone Mafia Liberazione

Il 25 aprile di Salvini a Corleone diventa un caso

Il vicepremier farà tappa in Sicilia il giorno della Liberazione. Per inaugurare un commissariato e celebrare la lotta alla mafia. Le associazioni insorgono: «Strumentale la contrapposizione fascismo-Cosa Nostra».

  • ...

Corleone festeggia il giorno della Liberazione il 25 aprile,nella villa comunale. L'iniziativa, promossa dalla Cgil e da un gruppo di giovani e associazioni, è stata varata nel corso di un'assemblea pubblica, con il coinvolgimento di sigle come Anpi, Libera, Legambiente e il centro studi Pio La Torre. La manifestazione avverrà in contemporanea alla visita del ministro dell'Interno Matteo Salvini, che il 25 aprile sarà a Corleone per inaugurare la nuova sede del commissariato della polizia di Stato.

«SALVINI NON PUÒ OPPORRE RESISTENZA AL FASCISMO E LOTTA ALLA MAFIA»

«La scelta di Salvini di venire a Corleone e di contrapporre la resistenza al fascismo e la resistenza alla mafia, come se l'una escludesse l'altra, la troviamo strumentale», ha dichiarato il segretario della Camera del lavoro di Corleone Cosimo Lo Sciuto, «il 25 aprile è una festa di tutti, che non può dividere. È una festa nazionale perché si ricorda la Resistenza. Nulla può distogliere l'attenzione dai valori sanciti dalla Costituzione antifascista. Per questo, il 25 aprile, le donne e gli uomini del Corleonese si raduneranno per onorare la festa della Liberazione dal nazifascismo».

«Salvini può venire per lottare contro la mafia», ha aggiunto Lo Sciuto, «ma deve ricordare che a Corleone la lotta contro la mafia è sempre andata di pari passo con quella al fascismo. Eroi come Carlo Alberto Dalla Chiesa e Placido Rizzotto, uno carabiniere e l'altro sindacalista, entrambi partigiani, lo testimoniano». «Il ministro Salvini cade nella retorica che identifica Corleone come irredimibile terra di mafia» - sostengono gli organizzatori dell'iniziativa con una nota unitaria - «la comunità corleonese, impegnata da anni a riscattarsi da questo pesante fardello, è stanca di essere oggetto di un interesse episodico e strumentale, immancabilmente associato alla mafia».

23 Aprile Apr 2019 1904 23 aprile 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso