110105180133
CULTURA
9 Gennaio Gen 2014 1615 09 gennaio 2014

La Reggia di Carditello acquistata dallo Stato

La Reggia acquistata all'asta per 11,5 mln.

  • ...

Un gioiello architettonico quasi perduto è tornato di proprietà degli italiani. La Reggia borbonica di Carditello di San Tammaro (Caserta) è stata infatti acquistata dalla Sga, società controllata dal ministero dell'Economia, per la cifra di 11,5 milioni di euro. L'acquisto è stato ufficializzato il 9 gennaio 2013 al termine dell'ennesima asta giudiziaria tenutasi alla sezione fallimentare del tribunale civile di Santa Maria Capua Vetere. La Sga, come ha anticipato il 9 gennaio il Corriere della Sera, dovrebbe cedere entro pochi giorni la reggia al Mibac, il ministero dei Beni e delle attività culturali.
GIOIELLO RISALENTE AL '700. La tenuta di Carditello rappresenta una vera e proria gemma. La Reggia, divenuta negli ultimi anni quasi un rudere, fu costruita nel 1700 per Carlo di Borbone da Francesco Collecini. Dopo l'Unità d'Italia finì tra le mani del re Vittorio Emanuele II che, come scritto da Gian Antonio Stella, la sdegnò affidandola a un capo della camorra locale.
NEL 1920 PASSATA ALL'OPERA NAZIONALE COMBATTENTI. Nel 1920 immobili e arredamento passarono al Opera nazionale combattenti e gli oltre 2 mila ettari della tenuta furono lottizzati e poi venduti.
Esclusi il fabbricato centrale e 15 ettari circostanti che dopo il 1945 entrarono a far parte del Consorzio generale di bonifica del bacino inferiore del Volturno. Nel 1943 il complesso borbonico fu vandalizzato dai soldati tedeschi, incrementando lo stato di degrado della splendida Reggia.
Nel 2011 il tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha disposto la vendita all'asta del complesso di Carditello per 10 milioni di euro. Nonostante la prelazione assegnata a comune, regione e Mibac solo dopo due anni la vendita è andata a buon fine e la gemma campana è tornata nelle mani degli italiani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso