Sanremo 6
Sanremo 2017
MNB S Request Manager

Sanremo 2017, i voti alla quarta serata

Conti rimpicciolisce di fronte a Maria. Mentre Virginia Raffaele trionfa per spietatezza. Le canzoni? Lele vince ma non convince tra le Nuove proposte. E aspettando la finale si salvano solo Turci, Masini e Meta.

  • ...

«Vi posso dare un'anticipazione: è quasi certo che il prossimo vincitore delle nuove proposte sarà un uomo» (si veda, qui sotto, l'appello che incoronerà Lele). Già dall'esordio si capisce che Carlo è in forma smagliante, frizzantissimo, blu le mille bolle beige; spirito di patata, si potrà dire stasera? Ci aspetta una serata inutile (9,9 miioni d telespettatori e 47% di share, ndr), di passaggio, di riempimento, i momenti più mossi gli spot pubblicitari. Maria Incatenata, aiutaci tu. Ma Maria, donna tutta d'un pezzo, saluta e bacia Giorgio Gori, «che è stato mio direttore di rete». Poi tratta Carlo come un cronista: «Spiega il regolamento! Lui ci tiene a spiegare il regolamento...». Lo percula, vedete: tre sere, e già si capisce chi comanda davvero.

LO SAPEVAMO CHE SAREBBE FINITA COSÌ. Sapevamo, noi, che finiva così. Anche che cominciava così. Più li guardi e più Carlo ti pare rimpicciolire: Maria Incatenata lo ferma, interrompe, corregge, detta tempi e prospettive. Non sorride manco se l'ammazzi: ghigna, se proprio è in buona; le sue non sono presentazioni, sono scudisciate, ma, sotto il cipiglio, si capisce che se la sta godendo un mondo e mezzo nel distribuire pupazzetti di lui, allegoria tremenda e definitiva. E di colpo si capisce perché Carlo smentisca con tutta la sua abbronzatura di voler andare a Mediaset: icché son bischero, che vo a finire in collegio pure di là?

Lele, trionfatore tra le Nuove proposte con Ora.

Nuove proposte

Leonardo Lamacchia - Agli esordi non si può andar tanto per il sottile, ma chissà cosa pensa un ragazzo mentre gli danno da cantare roba che potrebbe essere sua nonna. 4

Lele - O Lele Lele Lele, o Lele Lele Lele, sai perché non batte il corazòn? Mi sono addormentato, sono finito in coma; di caffè mi serve un gran flacon. In hoc sbadiglio vinces. 5

Maldestro - Al pronipotino di De Gregori inzuppato nella legalità danno tutti i premi inutili e non l'unico che meritava. Perché, obiettivamente, era il meno peggio dei quattro. 6

Francesco Guasti - 'A bello de Pelù, «la barba non fa il filosofo», diceva Plutarco. E neanche il cantante. 4

Big in gara

Ron - Se questa è L'ottava meravigli, figurati le altre sette. Capisci a me: non si può dir brutta, è che sta lì appesa, sai quelle tipette che non hanno niente che non va, però nessuno se le fila. 6-

Chiara - Neanche Bergson s'immagina quanto possano essere interminabili tre minuti e 45 secondi. 3

Samuel - Succede sempre così: si comincia indie alternativi e si finisce Tony Manero (a Sanremo). 4/5

Al Bano - La sala stampa parla, scrive, fa altro. E non si accorge che va in scena l'ultimo tragico sipario per un cuore che non ce la fa più: gli occhi di chi lo guarda piangono rassegnati. 6+

Ermal Meta - Ci ha conquistati ieri con una pazzesca Amara terra mia, ma qui esce il problema della musica esordiente: non hanno canzoni. Sono ali senza un cielo (il voto va all'artista). 6,5

Michele Bravi - Atroce perfino da giudicare. Una ingiustizia sul palco, a fronte di chi i numeri li avrebbe. Ci pensi, chi invoca De Filippi premier (è accaduto): questo ectoplasma è roba sua. 2

Fiorella Mannoia - Diciamo che è la canzone giusta per vincere Sanremo. Ciascuno la prenda come vuole. 5/6

Clementino - E basta con 'sti ragazzi di strada, che c'hai 35 anni! Con 'sto berrettino! Tutti gli anni la stessa storia! Quando te lo trovi un lavoro serio? Il rapper alle vongole che mestiere è? 3

Lodovica Comello - Cappuccetta rossa arriva subito dopo la Nonna Pina: ed è l'unica volta in vita nostra che rimpiangiamo Antonella Clerici, perfino se sventra Felicità. 4

Gigi d'Alessio - Sul serio, ci vuole un bel coraggio per cantare roba così, che se ne frega delle mode, di piacere, dell'hype. Ed è al coraggio che c'inchiniamo, dando un voto esagerato. 3

Paola Turci - Comunque vada, qui ha già vinto. A dispetto di una proposta sopravvalutata, con cliché che non rendono giustizia alla sua sfavillante maturità. La cantante, non la canzone. 6,5

Marco Masini - Sì, sta davvero prendendosi addosso la responsabilità di un'età anche artistica. Un bel rischio, gli servirà un nuovo pubblico, ma i presupposti ci sono. 6,5

Francesco Gabbani - È uno che ricicla originalità: si fotocopia e in più lo senti, che infila passaggi da Born to Be Alive. Ma è anche tra i pochi momenti vivi di questo narcoFestival. 6+

Michele Zarrillo - «Ci si mette una vita a diventare giovani», diceva Picasso. E manco ci si riesce, aggiungeva Zarrillo. 5/6

Bianca Atzei - «Ci sono persone così noiose, che ci fanno perdere una giornata in cinque minuti» (Jules Renard). 3

Sergio Sylvestre - A parte lo scarto di Giorgia che è costretto a cantare, ma si è mai visto un black senz'ombra di soul? 4

Elodie - A proposito: ma ricordamelo un po', come mai 'sta meringa starebbe nei big? Solo perché ha una voce passabile? 5-

Fabrizio Moro - John Dryden: «Guardati dalla furia dell'uomo paziente». Vale anche a Sanremo, Moro, è inutile che fai il rauco. Sappilo. 5-

Giusy Ferreri - Sì, lo sappiamo che Fa talmente male, ma vedi, Giusy, non è che noi ce l'abbiamo con te: sei tu, che ce l'hai con te. E anche con noi. Ma tanto, però. Sapessi quanto. 3

Alessio Bernabei - Sciapus in fundo. 2

Ospiti principali

Maurizio Crozza - I compitini sulla legge elettorale, in diretta all'Ariston, lo annienterebbero (ancora). Ergo, sta a casa: ma la differita esce di sincrono. Con quello che ci costa. 5

Virginia Raffaele - C'è poco da fare, la sua crudeltà non fa prigionieri. È spietata, spaventosa, di cattivo gusto (mettetevi nei panni delle vittime) e ciò malgrado è impossibile non ridere. Non rispetta nessuno, tranne il suo onnipotente agente, Beppe Caschetto. Altro che Crozza. 7+

Conduttori

Carlo Conti - Se n'è accorta anche 'Sandra Milo', alias la Raffaele, che ormai Conti non conta più. Così impari a chiamare Maria Incatenata. 5-

Maria De Filippi - Come un boa constrictor, si è finta passiva, poi ha attorcigliato Carlo, lo ha fagocitato e adesso lo sta digerendo. E dire che non sa presentare! 5

10 Febbraio Feb 2017 2349 10 febbraio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso