Gibson
20 Febbraio Feb 2018 1604 20 febbraio 2018

Gibson verso il fallimento, storia di un disastro annunciato

Lo storico marchio rischia di chiudere. Con il suo suono ha innervato la storia del Novecento, ma politiche industriali sbagliate hanno provocato una voragine di 375 milioni di debiti.

  • ...

Django Reinhardt, lo zingaro, e che bella parola, questa, musicale come una svisata, Django il gitano, che un rogo a 18 anni aveva privato dell'uso di anulare e mignolo della mano sinistra eppure aveva il ferro e fuoco nelle altre dita, una potenza che bruciava le corde e consumava una chitarra ogni sei mesi, Django si siede. Gli altri del Quintet du Hot Club de France, con Stéphane Grappelli al violino, Joseph Reinhardt, il fratello, e Roger Chaput alle chitarre ritmiche, Louis Vola al contrabbasso, lo aspettano. Django posa la sua Maccaferri e imbraccia una Gibson L5 acustica con pick-up de Armond. Anni 30, Anni 40, fino al 1953 quando la morte spezza il suo infinito concerto, Django suona, dall'Europa all'America, suona a orecchio, perché non conosce la musica, ma il leggendario chitarrista classico André Segovia a un ricevimento lo ascolta, si turba, gli chiede dove si può comprare lo spartito di quel brano appena eseguito. «Non c'è spartito», risponde lo zingaro, divertito, «stavo solo improvvisando».

1938, Charlie Christian, il pioniere dell'assolo elettrico, ha mollato la chitarrina giocattolo da 2 dollari e si è ripresentato equipaggiato di tutto punto. Anche lui forse ha stretto un patto col diavolo. Suona come nessuno ha mai fatto prima di lui, suona come tutti cercheranno di fare dopo di lui. Suona una Gibson ES-150 (Electric Spanish) con pick-up che ha chiamato come lui. Anche l'amplificatore, probabilmente, è un Gibson.

Charlie Christian.

1956, teatro Paramount, Chuck Berry ha un problema. Il suo prezioso completo, pagato 22 dollari, è tutto spiegazzato: come fare a presentarsi in scena così? L'unica è inventarsi un duck walk, un passo del papero; ovviamente imbracciando una Gibson, la chitarra della vita; di preferenza, ma non sempre, una semiacustica, meglio se un modello stereo ES-335.

Chuck Berry.

1940, il quindicenne Riley King, in futuro noto al mondo come B.B. King, ha finalmente una chitarra vera: è una Gibson acustica che suo cugino, il leggendario Bukka White, lo ha aiutato a procurarsi, tra sacrifici di sangue. Lui le mette addosso un pick-up DeArmond. È amore a prima nota, e, dal 1958, Gibson sarà la compagna di vita anche del King: prima la ES-335, la stessa di Chuck Berry, poi una custom, personalizzata, cassa chiusa senza tagli a “f” per limitare il feedback.

Dentro ci ficca pure degli stracci: trucchi da bluesmen, artigiani dell'espediente. Il ponticello è un Gibson TP-6 accordato sul retro dello strumento, «così non mi impiglio più le mani e i polsini della camicia». Ampli: Gibson. Corde: Gibson 740XL. Un uomo fedele, King. Alla marca, se non altro. Un altro King, Freddie, anche lui innamorato (quasi) a senso unico: per incidere Hideway, ad esempio, aveva usato una vecchia Gibson Les Paul; dal vivo, spesso una ES-335, oppure una ES-345, o anche una ES-355.

Da Presley a Lennon, da Keith Richards a Ron Wood, da Santana a Jimmy Page, ad Angus Young, una Gibson l'hanno posseduta tutti

Eric Clapton, nel periodo in cui lo chiamavano “clapout”, lo sballato, si era venduto tutte le chitarre (gli amici poi gliele ricomperavano, pietosamente, per rendergliele). Collezioni da favola, dove spiccavano le Gibson che, col loro suono humbucking, erano l'ideale per suonare il blues. Le Les Paul, sopra tutte le altre, le vecchie, che non tradivano mai. Gibson (tra le altre) anche nelle prodigiose mani di Jimi Hendrix, in particolare una Les Paul per il blues e, più avanti, una Flying V mancina, il suo “angelo volante”. E tra quelle, inquiete, mercuriali, sperimentali, di Frank Zappa: su Freak Out!, Absolutely Free e We're Only In It For The Money, un modello ES-5 Switchmaster; poi gli piacerà la Les Paul; quindi passa a una Gibson SG, specie dal vivo. Poi basta, perché l'elenco delle modifiche, maniacalmente personalizzate, sugli strumenti di Zappa è almeno altrettanto incasinato di quello delle pubblicazioni degli album. E basta anche con la casistica, che tanto, da Presley a Lennon, da Keith Richards a Ron Wood, da Santana a Jimmy Page, ad Angus Young (la SG “Diavoletto”, avete presente?), eccetera, eccetera, eccetera, una Gibson l'hanno posseduta tutti, e l'accezione valga nel senso più totale. Tutti i più grandi.

Che mondo sarebbe senza la Gibson? Un mondo probabile, purtroppo: lo storico marchio musicale che ha innervato l'intero Novecento partendo ancora prima, nel 1894, quando un umile artigiano, Orville, mettendo le mani su un mandolino non sapeva di fondare una dinastia di chitarre, rischia di sbaraccare: è la seconda volta, dopo la crisi a metà degli Anni 80, scongiurata da un risanamento in extremis, ma, a questo giro, le speranze sembrano davvero esili come un assolo nel vento.

POLITICHE INDUSTRIALI SBAGLIATE. Colpa di politiche industriali sballate, di quella (megalo)mania tutta postmoderna di allargarsi, di acquisire, di estendere le partecipazioni a raggiera: prima le cuffie, i diffusori, i marchingegni per dj, nel 2011, con l'acquisizione di Stanton Group che dava luogo a Gibson Pro Audio. Poi, l'anno dopo, il sodalizio con i giapponesi di Onkyo, per infilare il manico nei sistemi di home theater e, successivamente, maturare il controllo azionario di Teac Corp. Ancora, nel 2014, l'assorbimento della sezione elettronica di consumo di Royal Philips. Tutta roba che alla fine ha chiesto il conto.

È la seconda volta, dopo la crisi a metà degli Anni 80, scongiurata da un risanamento in extremis, che Gibson rischia di sparire

Chissà cosa credeva di fare, l'amministratore delegato Henry Juszkiewicz, intanto che si allontanava dal senso stesso della società, la costruzione di strumenti musicali, particolarmente chitarre, destinate a fare la storia. E le chitarre, in effetti, reggevano. Compatibilmente con la flessione di un mercato per cui si consuma sempre più musica, ma in modi sempre più evanescenti (ci torneremo), le chitarre restavano il senso, il sole immobile, tutto.

L'AZIENDA HA NUMERI GLACIALI. Secondo Moody's, la società di rating, considerata nel suo core business, Gibson Guitar Corporation, in Nashville, Tennessee, è sana. «Stabile e sostenibile», dice l'agenzia. Ma anche il sole, a trascurarlo, si raffredda. E adesso i numeri sono glaciali: obbligazioni per circa 380 milioni di dollari, scoperti con banche per altri 145 milioni di dollari, necessità di rifinanziarle entro il 23 luglio prossimo, avvicendamenti nell'organigramma superiore. Si chiama profumo di bancarotta. Per scongiurare la quale adesso l'avventato Juszkiewicz cerca di svendere a tutto spiano tutto quello che può: partecipazioni, rami aziendali, pacchetti azionari.

Angus Young.

La solita storia di chiudere la stalla a buoi scappati. Si parla anche di inevitabili tagli di personale, che probabilmente non serviranno a niente: se non si fa avanti qualcuno in tempi brevi, qualcuno con le spalle forti e una passione ancora più solida, se ne vanno a casa tutti: uomini e chitarre. Ma, prima di chiunque altro, a levare le tende dovrebbe essere proprio Juszkiewicz. Ed è garantito che, se mai qualcuno dovesse ancora farsi carico di un marchio che non deve morire, la prima condizione sarà che l'amministratore delegato riempia il suo scatolone delle sue cose, e faccia fagotto. Vai a suonare sotto la metro, amministratore delegato. Perché Gibson non deve morire. Non può. Non finché ci sarà un retaggio. Non finché ci sarà un ragazzino che scopre un 33 giri, lo mette sotto una puntina, lo fa girare e decide di provarci anche lui. E allora imbraccia una chitarra, si mette davanti allo specchio, si sente il bastardo più fico del mondo, e la solita dannata storia ricomincia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso