Ilmucchio
Cultura e Spettacolo
29 Giugno Giu 2018 1515 29 giugno 2018

Il Mucchio Selvaggio chiude i battenti

Il mensile costretto a fermare le pubblicazioni a causa di un'ingiunzione di pagamento da parte della vecchia direzione. La rivista musicale era nata nel 1977, nel 2011 lo scontro sui contributi pubblici.

  • ...

Il Mucchio Selvaggio, rivista storica del panorama musicale italiano, chiude i battenti a causa della lunga crisi dell'editoria e dell'industria musicale. La ragione scatenante della chiusura, tuttavia, è ancora una volta lo scontro tra la vecchia e nuova direzione che va avanti dal 2011 e che è culminata in un'ingiunzione di pagamento nei confronti dell'attuale management. A darne notizia è lo stesso giornale con un lungo post su Facebook. «Il giorno in cui la decisione è stata presa non è stato il peggiore. Peggiori sono stati quelli che l’hanno preceduto quando, alla consapevolezza della crisi inarrestabile della carta stampata e della discografia, è subentrata la frustrazione di non potervi rimediare. Non stavolta, non davanti a una sentenza del Tribunale a nostro sfavore e resa esecutiva alla fine di maggio», scrive la redazione.

UNA STORIA NATA NEL 1977. Il Mucchio Selvaggio era nato nel 1977 da un'iniziativa di Max Stèfani, Paolo Carù e Aldo Pedron. La rivista, nata come mensile, negli anni si era aperta a nuove tematiche e, tra il 1996 e il 2014, era uscita in edicola come settimanale. Nel 2011 la direzione era passata da Max Stèfani a Daniela Federico e intorno alla rivista si era consumato uno scontro tra vecchia e nuova guardia con, al centro, la questione dei finanziamenti pubblici, come raccontato allora da Lettera43.

«UN MERCATO IN DISSOLUZIONE». E, nonostante tutto, Il Mucchio Selvaggio aveva continuato le sue pubblicazioni, sempre con la direzione di Daniela Federico. «La nostra scelta, resa inevitabile e non procrastinabile da un’ingiunzione di pagamento mossa dalla precedente direzione, ha le sue radici in un contesto editoriale e culturale fin troppo minato. Da anni ci muoviamo in un mercato in dissoluzione con le vendite e gli investimenti pubblicitari in costante calo, mentre il sistema di distribuzione continua a richiedere uno spreco di carta e risorse ormai insostenibile. Se per esistere sei costretto a una tiratura di quattro volte superiore al tuo venduto, allora anche la miglior misura di riorganizzazione assomiglia a una resistenza, mai a un reale rilancio malgrado i riconoscimenti internazionali (la copertina dello scorso giugno dedicata a Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band dei Beatles ha ricevuto un premio di merito agli Spd Awards di New York, la cerimonia che valorizza le eccellenze nel design editoriale)».

GLI AUTORI STORICI. Sul Mucchio Selvaggio, nel corso degli anni, hanno scritto giornalisti diventati poi firme note su altre testate. Tra questi Massimo Del Papa, Federico Guglielmi, Gianni Canova, Andrea Scanzi, Alessandro Robecchi, ma anche il cantante Luciano Ligabue.

IL FUTURO NON È "SCRITTO", MA LA MUSICA CONTINUA Il giorno in cui la decisione è stata presa non è stato il peggiore....

Geplaatst door Il Mucchio Selvaggio op Vrijdag 29 juni 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso