Argento, mai fatto sesso con Bennett
Cultura e Spettacolo
21 Agosto Ago 2018 1619 21 agosto 2018

Cosa ha detto Asia Argento sulle accuse del New York Times

L'attrice rompe il silenzio: «Mai avuto rapporti sessuali con Bennett, è una persecuzione». E sul pagamento: «Fu il mio compagno Bourdain a volerlo». Ma alcuni sms la smentirebbero in parte.

  • ...

Dopo giorni di silenzio durante i quali agli occhi dell'opinione pubblica è passata da vittima a carnefice, Asia Argento ha finalmente deciso di reagire: «Nego e respingo il contenuto dell'articolo pubblicato dal New York Times che sta circolando sui media internazionali. Sono profondamente scioccata e colpita leggendo notizie che sono assolutamente false. Non ho mai avuto alcuna relazione sessuale con Jimmy Bennett». L'attrice, con un comunicato diffuso tramite i suoi legali, ha parlato di una sorta di persecuzione ai suoi danni e ha affermato di non avere altra scelta che opporsi nelle «sedi competenti» a tutte quelle che considera falsità. Tuttavia, alcuni sms visionati dal sito americano Tmz e che sarebbero stati scambiati tra l'attrice e il suo ex compagno Anthony Bourdain confermerebbero che tra i due ci sarebbe stato un rapporto sessuale.

LO SCOOP DEL NEW YORK TIMES

Argento, secondo il New York Times, avrebbe risarcito con 380 mila dollari il giovane Bennett, attore e musicista rock, dopo averlo aggredito sessualmente cinque anni fa in una camera d'albergo della California. All'epoca dei fatti l'attrice avrebbe avuto 37 anni e Bennett 17. Dunque il ragazzino sarebbe stato al di sotto dell'età del consenso stabilita nello Stato americano (18 anni). Il quotidiano ha tuttavia confermato i contenuti del suo articolo, «fiducioso nell'accuratezza del lavoro giornalistico basato su documenti verificati e molteplici fonti».

Asia Argento a rischio solo per i Live di X-Factor

In attesa di dichiarazioni ufficiali della stessa Argento, che ha scelto di non parlare, e sta preparando una nota con gli avvocati, l'accusa del giovane Jimmy Bennett resta uno terribile contrappasso per l'attrice che con le sue rivelazioni sulle violenze subite dal fondatore della Miramax Harvey Weinstein aveva tolto il velo sugli abusi dei potenti di Hollywood.

«Quello che mi ha legata e Bennett per alcuni anni», si legge nella nota diffusa da Argento, «è stato soltanto un sentimento di amicizia. Terminato quando, dopo la mia esposizione nella nota vicenda Weinstein, Bennett (che versava in gravi difficoltà economiche e che aveva precedentemente assunto iniziative giudiziarie anche nei confronti dei suoi stessi genitori, rivolgendo loro richieste milionarie) inopinatamente mi rivolse un'esorbitante richiesta economica. Bennett sapeva che il mio compagno, Anthony Bourdain, era percepito quale uomo di grande ricchezza e che aveva la propria reputazione da proteggere in quanto personaggio molto amato dal pubblico».

IL PRESUNTO RUOLO DEL DEFUNTO COMPAGNO DELL'ATTRICE

Bourdain avrebbe quindi insistito affinché la questione «venisse gestita privatamente e ciò corrispondeva anche al desiderio di Bennett». Bourdain, sempre secondo Argento, «temeva la possibile pubblicità negativa che tale persona, che considerava pericolosa, potesse portarci. Decidemmo di gestire la richiesta di aiuto di Bennett in maniera compassionevole e di venirgli incontro. Anthony si impegnò personalmente per aiutare Bennett dal punto di vista economico, a condizione di non subire più intrusioni nella nostra vita». L'attrice conclude così la sua versione di quanto accaduto: «Questo è l'ennesimo sviluppo di una vicenda per me triste che mi perseguita da tempo e che a questo punto non posso che contrastare, assumendo nel prossimo futuro tutte le iniziative a mia tutela nelle sedi competenti». Bourdain non potrà mai smentire le sue parole, poiché è morto suicida l'8 giugno del 2018.

LE NUOVE ACCUSE DI TMZ: UN SMS DIMOSTREREBBE CHE ASIA ARGENTO E BENNETT HANNO FATTO SESSO

La versione di Asia Argento sarebbe tuttavia in parte smentita da alcuni sms tra Anthony Bourdain e Asia Argento che il sito americano TMZ sostiene di aver visto. In uno di questi Argento scrive: «Ero gelata. Lui era sopra di me. Poi mi ha detto che ero stata la sua fantasia sessuale da quando aveva 12 anni». Negli sms Bourdain e la Argento parlano di Bennett come di un "asino" e Anthony scrive che il pagamento «non è l'ammissione di niente, nessun tentativo di comprare il silenzio, semplicemente un'offerta per aiutare un'anima torturata che cerca disperatamente di spillarti denaro». Lo chef morto suicida lo scorso giugno continua: «Puoi anche dirgli di andare a quel paese. In ogni caso, sono con te». Nel discutere la prospettiva del pagamento, la Argento ammette di «essere anche lei in bolletta» e Bourdain chiarisce che sarà lui a trattare. «Non compri nessun silenzio. Solo la libertà di non essere importunata. E aiuti un "povero scemo" a ricostruirsi la vita», scrive Anthony. Asia risponde: «Non comprerò il suo silenzio per qualcosa che non è vero, anche perche sono al verde».

ARGENTO NON È INDAGATA

Argento, al momento, non è indagata per aver avuto rapporti sessuali con un minorenne. Una portavoce del dipartimento dello sceriffo della Contea di Los Angeles ha detto che non esiste «nessuna indagine aperta», ma che «verranno fatti degli accertamenti». Gli investigatori vorrebbero parlare direttamente con Bennett, il quale non risulta sia stato sentito finora dalla polizia. Sulla vicenda è invece rapidamente arrivato il commento dei legali di Harvey Weinstein, l'ex re dei produttori travolto dallo scandalo #MeToo e accusato di stupro dall'attrice italiana: «Questo sviluppo rivela un incredibile livello di ipocrisia da parte di Asia Argento», ha detto l'avvocato Ben Brafman, «ciò che forse è più eclatante è il tempismo, che suggerisce come nello stesso momento in cui l'attrice stava patteggiando per abusi sessuali su un minore, si stava anche mettendo in prima linea fra chi condannava il signor Weinstein, nonostante la loro fosse una relazione sessuale fra due adulti consenzienti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso