Gwyneth Paltrow
Cultura e Spettacolo
6 Settembre Set 2018 1948 06 settembre 2018

La bufala di Goop che è costata una multa a Gwyneth Paltrow

La piattaforma online fondata dall'attrice americana è stata sanzionata per aver propagandato prodotti dalle dubbie proprietà terapeutiche. E non è la prima volta.

  • ...

Ennesima cantonata dell'impero Goop. Il sito, ideato dall’attrice americana Gwyneth Paltrow, ha patteggiato con il tribunale di Los Angeles una salatissima multa di 145 mila dollari per aver pubblicizzato prodotti dalle dubbie proprietà terapeutiche e diffuso messaggi salutisti mendaci.

LE "UOVA VAGINALI" DALLE PROPRIETÀ MIRACOLOSE

I prodotti in questione sono “uova vaginali” in giada e in quarzo, vendute per «bilanciare gli ormoni, regolare il ciclo mestruale e aumentare il controllo sulla vescica», e una serie di oli essenziali, a base di fiori e di erbe, utili a «prevenire la depressione». In un’intervista rilasciata di recente, la stessa Paltrow aveva spiegato come le "uova" avessero aiutato molte donne a «raggiungere incredibili risultati», una volta inserite all’interno della vagina e tenute per varie ore. Pratica che alcuni medici hanno denunciato come potenziale causa di rischiose infezioni e traumi. E che la giustizia americana ha condannato perché assolutamente priva di riscontro scientifico. «Ci sono sempre state persone che vendevano rimedi a base di olio di serpente», ha spiegato il procuratore distrettuale di Orange County, Tony Rackauckas, «questa è solo una forma diversa. È importante sanzionare tutte quelle che aziende che, con le loro affermazioni, sono in grado di influire pericolosamente sulla salute delle donne».

UNA MEDIA DI 3 MILIONI DI VISITATORI AL MESE

Questa, per Goop, non è la prima volta. La piattaforma che, secondo le stime dell'attrice sarebbe visitata da una media di 3 milioni di utenti al mese, aveva già in passato propagandato teorie e terapie antiscientifiche. Qualche anno fa, Paltrow fu oggetto di critiche per aver sostenuto il potere curativo dei lavaggi vaginali fatti col vapore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso