Mamma mia! Ci risiamo Meryl Streep Amanda Seyfried Cher
Cultura e Spettacolo
9 Settembre Set 2018 1600 09 settembre 2018

Trailer e recensione del film "Mamma Mia! Ci risiamo"

Esce nelle sale il sequel della commedia musicale. Al centro le vicende di Sophie e il passato di Donna. Un lungometraggio divertente e leggero. Sempre in compagnia degli ABBA. 

  • ...

Dopo il successo ottenuto da Mamma Mia!, la divertente commedia sulle musiche degli ABBA, sul grande schermo arriva la seconda puntata. Una sorta di prequel/sequel che racconta anche la giovinezza di Donna, il personaggio interpretato da Meryl Streep e, nella sua versione giovanile, da Lily James. Mamma Mia! Ci risiamo, diretto da Ol Parker, comincia 10 anni dopo il tentativo di Sophie di scoprire l'identità del padre. La donna (Amanda Seyfried), che vive sull'isola greca di Kalokairi dove si occuppa della tenuta di famiglia insieme a Tanya (Christine Baranski) e Rosie (Julie Walters), è incinta. E passo passo scoprirà tramite racconti delle due amiche, il passato della madre. La presenza di Cher, nel ruolo della nonna di Sophie, aggiunge ritmo a una commedia comunque ben girata. Mamma Mia! Ci risiamo non è sicuramente uno dei migliori lungometraggi musicali prodotti negli ultimi anni per quanto riguarda l'originalità o la qualità dello script, tuttavia riesce con facilità a divertire il pubblico (leggi anche: Mamma Mia! Ci Risiamo: il #MeToo regna nel cast).

La locandina di Mamma Mia! Ci risiamo.

MAMMA MIA! CI RISIAMO IN PILLOLE

TI PIACERÀ SE: ami i musical trascinanti e ritmati che lasciano la voglia di cantare ogni brano.

DEVI EVITARLO SE: sei alla ricerca di una storia non prevedibile e impegnata.

LA FRASE CULT: «Diamo inizio alle danze!»

CON CHI VEDERLO: con gli amici, per divertirsi in compagnia.

PERCHÉ VEDERLO: per rivalutare, se ancora ce ne fosse bisogno, le musiche degli ABBA.

LA SCENA MEMORABILE: La sequenza sulle note di When I Kissed the Teacher, perfetta per dare il via a una narrazione leggera e divertente, stabilendo fin da subito la giusta atmosfera.

Regia: Ol Parker; genere: commedia (Usa, 2018); attori: Lily James, Amanda Seyfried, Andy Garcia, Cher, Jeremy Irvine, Hugh Skinner, Josh Dylan, Christine Baranski, Julie Walters.

1. MERYL STREEP E IL BATTESIMO DEL SEQUEL

Meryl Streep non aveva mai realizzato il sequel di uno dei suoi film prima della produzione di Mamma Mia! Ci risiamo, nonostante una carriera lunga oltre 40 anni. Il premio Oscar ha però chiesto di poter apparire in modo piuttosto limitato.

2. CHER E L'ALBUM DI COVER DEGLI ABBA

La realizzazione del lungometraggio basato sulle musiche degli ABBA ha convinto Cher a realizzare un album completamente dedicato alle cover del gruppo intitolato Dancing Queen. La star, inoltre, è stata scelta per interpretare la madre di Donna nonostante le due attrici abbiano una differenza anagrafica di soli tre anni. La produzione aveva già cercato di coinvolgere Cher, proponendole il ruolo di Tanya, ma non era riuscita nell'impresa di ottenerne la partecipazione.

3. UN VIAGGIO NEL TEMPO

L'idea di intersecare diversi piani temporali è dello sceneggiatore Richard Curtis che si sarebbe ispirato a Il Padrino - Parte II. Curtis collaborando con Parker l'ha poi sviluppata sulle note degli ABBA.

4. LA SFIDA DI LILY E IL CONFRONTO CON IL PREMIO OSCAR

Lily James ha ammesso di aver avuto qualche esitazione prima di accettare la parte di Donna, temendo il confronto diretto con Meryl Streep. L'attrice, dopo aver ottenuto la parte, è andata a Stoccolma per incidere le canzoni inserite nella colonna sonora, convincendo immediatamente i produttori che si trattasse della scelta giusta. Streep ha dato la sua "approvazione" rivelando di essere una grandissima fan di Downton Abbey, serie britannica che ha regalato la fama a James.

5. LE COREOGRAFIE DI VAN LAAST

Le coreografie sono state firmate da Anthony Van Laast, già autore dei passi degli spettacoli teatrali e del primo film. L'artista ha collaborato a stretto contatto con il regista per ideare coreografie legate ai personaggi e alla trama.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso