Tutto quello che bisogna sapere su Rowan Atkinson
Cultura e Spettacolo
7 Ottobre Ott 2018 0001 07 ottobre 2018

Tutto quello che bisogna sapere su Rowan Atkinson

Diventato famoso con il ruolo dello sbadato gentleman Mr.Bean, domenica 7 ottobre è ospite di Fabio Fazio alla scrivania di Che tempo che fa. Il profilo.

  • ...

Tra gli ospiti attesi alla scrivania di Fabio Fazio domenica 7 ottobre c'è anche l'attore inglese Rowan Atkinson, una delle leggende del cinema comico internazionale. Diventato celebre con il ruolo del maldestro Mr. Bean, Atkinson non si è mai lasciato ingabbiare nei panni che ha vestito per buona parte della sua carriera nel mondo del cinema e ha dimostrato di sapersi misurare anche con personaggi che di sorrisi e surreale ironia avevano ben poco. Conosciamolo meglio.

DALL'INGEGNERIA ELETTRICA A MR. BEAN

Originario della cittadina di Consett e ultimo di quattro fratelli, è stato dopo la laurea in Ingegneria elettrica che Atkinson ha incontrato Richard Curtis, il mentore che lo ha proiettato verso una carriera all'insegna della comicità. Il suo debutto nel mondo dello spettacolo è stato segnato da una lunga gavetta in radio, ben presto affiancata da qualche episodio pilota e piccoli ruoli in diverse miniserie targate Bbc, che gli hanno regalato visibilità e un discreto successo. Ma è stato solo nel 1990 che è arrivata la vera consacrazione del suo percorso di attore e, per di più, con una sua creatura, Mr. Bean. Nato come personaggio cabarettistico negli Anni 80, l'inglese col completo marrone, ispirato a Buster Keaton e ai personaggi dei primi film muti comici, improntati sullo stile della commedia fisica, è diventato protagonista di una serie trasmessa in 200 paesi, di un cartone animato prodotto a partire dal 2002 e di ben due film, Mr. Bean - L'ultima catastrofe e Mr.Bean's holiday, campioni d'incassi al botteghino. Ed è rimasto uno dei simboli più forti della cultura pop internazionale fino al 2002, anno in cui l'attore britannico ha deciso di mandarlo in pensione, con una lapidaria dichiarazione rilasciata al Daily Telegraph: «L'infantilismo di un cinquantenne rischia seriamente di diventare triste».

UN NUOVO ROWAN

Dopo la fine della Bean era, Rowan Atkinson si è approcciato a una moltitudine di ruoli che gli hanno permesso di dimostrare al pubblico di essere un attore eclettico e versatile. Ma, soprattutto, di poter avere una certa credibilità anche senza dover strappare una risata. Come nel caso del commissario Maigret nella rilettura del romanzo di Simenon proposta nella miniserie prodotta dalla Bbc e nella quale l'attore inglese ha dato forma a un personaggio silenzioso, riflessivo e molto sulle sue, apprezzato dal pubblico e dalla critica. Una trasformazione che ha dimostrato anche in teatro, brillando nel ruolo di Fagin nel revival del musical Oliver liberamente ispirato al celebre romanzo di Charles Dickens. Ma quello alla commedia non è mai stato un addio: dalla Famiglia Omicidi alla saga di Johnny English, Rowan Atkinson si è sempre dimostrato fedele a quella che, sin dagli esordi, è sempre stata la sua comfort zone. E non ha mai smesso di far ridere i milioni di fan che, negli anni, si sono affezionati a lui.

NON SOLO RECITAZIONE

La vita di Rowan Atkinson non è stata solo copioni e set cinematografici. L'attore ha dichiarato di aver avuto sin da ragazzo un insano amore per le auto d'epoca, che lo ha portato a comprare una Ferrari e una Aston Martin, oltre che a dedicarsi a scrivere articoli per Car , rivista britannica per appassionati, e a partecipare come guest star del programma Top Gear.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso