venom-trailer-film-recensione-hardy
Cultura e Spettacolo
7 Ottobre Ott 2018 1600 07 ottobre 2018

Trailer e recensione del film "Venom"

Nonostante un cast stellare, da Tom Hardy a Michelle Williams, il cinecomic sull'arcinemico di Spider-man delude. 

  • ...

Era uno dei film più attesi dagli appassionati di fumetti e il cast stellare alimentava le speranze che Venom riuscisse a raccontare al meglio uno dei nemici di Spider-Man più amati dai fan. Le aspettative però sono state deluse, nonostante l'interpretazione di Tom Hardy, sempre irresistibile e sopra le righe. Hardy è Eddie Brock, giornalista fidanzato con Anne (Michelle Williams). Come reporter indaga sulle attività dell'imprenditore-inventore Carlton Drake (Riz Ahmed).

La locandina del film.

Convinto che gli esseri umani siano una specie imperfetta, Drake trova la soluzione in una misteriosa forma di vita aliena di cui Brock diventa "ospite". Nonostante un protagonista camaleontico e carismatico come Hardy, il risultato appare confuso, un mix indeciso tra elementi comici e scene horror, riflessione e azione. La sceneggiatura è approssimativa e i personaggi stereotipati.

VENOM IN PILLOLE

TI PIACERÀ SE: Ami i film un po' caotici in cui non manca una buona dose di umorismo.

DEVI EVITARLO SE: Speri in un cinecomic di alto livello tecnico.

CON CHI VEDERLO: Insieme agli amici amanti dei fumetti.

PERCHÉ VEDERLO: Per apprezzare la bravura di Tom Hardy, in grado di sostenere da solo l'intero progetto.

LA SCENA MEMORABILE: La prima trasformazione di Eddie in Venom.

LA FRASE CULT: «Noi non possiamo fare del male alle persone»

Regia: Ruben Fleischer; genere: azione (Usa, 2018); attori: Tom Hardy, Michelle Williams, Riz Ahmed, Jenny Slate.

1. LE SCENE TAGLIATE DI HARDY

Tom Hardy, durante una recente intervista, ha rivelato che molte scene girate non sono state inserite nel montaggio finale. Il materiale non utilizzato avrebbe una durata totale di 30-40 minuti e l'attore ha dichiarato in modo ironico che è composto da tutte le sue sequenze preferite perché contengono momenti divertenti, folli e un po' dark. Nonostante le ipotesi che si sono diffuse online, non esiste tuttavia una versione alternativa del lungometraggio vietata ai minori.

2. IL SABOTAGGIO 2.0 DEI FAN DI LADY GAGA

L'arrivo nelle sale americane di Venom e di A Star is born nella stessa settimana sembra abbia scatenato i fan di Lady Gaga, protagonista del film diretto e interpretato da Bradley Cooper, pronti ad affossare online il "rivale". Come hanno notato alcuni utenti di Twitter, tuttavia, molti messaggi sembrano essere generati in modo automatico, rendendo la situazione ancora più surreale.

3. L'INCURSIONE DEL MOVIMENTO #METOO

Michelle Williams ha svelato di aver accettato di recitare in un cinecomic perché il ruolo del protagonista era stato affidato a Tom Hardy, un attore di cui ammira il talento, l'impegno e l'istinto sul set. L'attrice ha raccontato che recitare accanto a lui è stato davvero divertente e di aver inoltre convinto il regista Ruben Fleischer a inserire una battuta che rispecchiasse l'importanza del movimento #MeToo. Anne, a un certo punto, dichiara infatti al protagonista: «Ti amo, ma amo di più me stessa».

4. IL PRIMO VENOM DI TOPHER GRACE

Il personaggio di Venom era già apparso sul grande schermo in occasione di Spider-Man 3 e il ruolo, in quell'occasione, era stato affidato a Topher Grace. L'attore, prima dell'arrivo del nuovo cinecomic nelle sale, ha detto di essere entusiasta all'idea di poter assistere alla versione creata da Tom Hardy perché, in base ai trailer e ai materiali promozionali, si avvicina maggiormente a quella che aveva imparato ad amare quando era un ragazzino e leggeva i fumetti.

5. LE DIFFICOLTÀ DELLO SDOPPIAMENTO

Tom Hardy, durante le riprese, registrava le battute in versione Venom la mattina, in modo da poter successivamente interpretare Eddie dialogando con "se stesso" grazie a un auricolare. L'attore ha spiegato che sul set appariva davvero folle perché le altre persone non potevano sentire quello che stava ascoltando.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso