Morto Carlo Giuffrè Teatro
Cultura e Spettacolo
1 Novembre Nov 2018 1506 01 novembre 2018

È morto l'attore Carlo Giuffré

Fratello minore di Aldo, si è spento all'età di 89 anni. Interprete eclettico del cinema e teatro italiano, è stato uno dei volti più caratteristici dell'ultima fase dalla commedia all'italiana.

  • ...

Lutto nel mondo del teatro italiano. Giovedì 1 novembre 2018 si è spento a 89 anni Carlo Giuffé. Malato ormai da tempo l'attore si è spento nella sa Napoli dove era nato il 3 dicembre 1928. Giuffrè, fratello di Aldo con cui ha avuto un lungo sodalizio artistico di successo, è stato uno dei volti più caratteristici dell'ultima fase della commedia all'italiana. Grande interprete del repertorio di Eduardo De Filippo, dirigendo anche sue celebri commedie, è stato un volto molto amato anche del cinema nostrano con più di cento film interpretati.

CARLO GIUFFRÉ, DAL TEATRO AL CINEMA

Dopo il diploma all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica, dal 1947 ha iniziato a lavorare con il fratello in teatro avvicinandosi sin da subito al repertorio di Eduardo De Filippo. La sua capacità di dar vita a personaggi spesso grotteschi, gli valse nel 1963 un posto nella Compagnia dei Giovani lavorando con nomi del calibro di Giorgio De Lullo, Rossella Falk, Romolo Valli ed Elsa Albani. A partire dagli Anni 50 sono state numerose anche le sue interpretazioni cinematografiche e appraizioni in svariate fiction televisive. Giuffé ha regalato alla commedia all'italiana personaggi grotteschi e indimenticabili come Vincenzo Maccaluso (La ragazza con la pistola) piuttosto che il marito 'cornuto' di La signora è stata violentata!.

I RICONOSCIMENTI ALLA CARRIERA

Nel 2007 Giuffré è stato insignito del titolo di Grande Ufficiale dall'allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Nuova linfa vitale che gli ha permesso di portare in scena altre commedie tra cui un grande classico del teatro di Eduardo, Il sindaco del rione Sanità, facendo sì che il suo nome venisse identificato per sempre a quello dell'arte teatrale partenopea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso