Festival Di Sanremo
Sanremo
Nino Dangelo
Cultura e Spettacolo
7 Febbraio Feb 2019 2022 07 febbraio 2019

Il testo di "Un'altra luce" di Nino D'Angelo e Livio Cori

Al Festival di Sanremo 2019, si assiste ad un interessante mix tra le tipiche sonorità della tradizione e la nuova musica napoletana.

  • ...

Può sembrare decisamente strana la presenza al Festival di Sanremo 2019 di una strana coppia come quella formata da Nino D'Angelo e Livio Cori: si potrebbe parlare del classico confronto tra due generazioni oppure, molto semplicemente, dell'unione artistica di due ragazzi di Napoli (ragazzi in periodi diversi, ovviamente). Con Un'altra luce si assiste ad un interessante mix tra le tipiche sonorità della tradizione napoletana con la nuova musica di Napoli. Nino D'Angelo, giunto alla sua sesta partecipazione a Sanremo, non ha certo bisogno di presentazioni, me anche il suo partner artistico, il giovane rapper (ma anche attore, vista la sua apparizione in Gomorra 3) Livio Cori ha ormai raggiunto una certa notorietà. Il testo di Un'altra luce è firmato dagli stessi cantanti, mentre la musica è di Cori, Fogliano, Dagani e Fracchiolla. Nella serata dei duetti la “strana coppia” verrà affiancata dai Sottotono, che tornano sul palco dell'Ariston 18 anni dopo la loro partecipazione al Festival con Mezze verità.

Livio Cori

IL TESTO DI UN'ALTRA LUCE DI NINO D'ANGELO E LIVIO CORI

Je te veco accussì
Luce nel tuo sorriso
Anche quando c’è il vento contro
Quando il buio si fa profondo
Je te veco accussì
E sembra che il paradiso
Si nasconda anche in questo mondo
Dove un giorno dura un secondo
Curre ‘ngopp a nu filo senza mai cade’
Si ‘a rint tien a guerra nun o faje vedè
Pare ca l’abitudine nun fa pe te
Quando dici sti cose tu assumiglie a me
Tu assumiglie a me
Tu assomigli a me
Tu assomigli a me
Mai nessuno ha mai capito come
Scaldarmi quanto il sole
Ma tu sicuro sai illuminarmi dove
L’ombra raffredda il cuore
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedé) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Quanno nun ce crire
Quanno nun ce crire
Je te veco accussì
Quella faccia pulita
Si è sporcata coi graffi del tempo che fugge
Che colpisce ma non ci distrugge
Je te veco accussì
Mentre passa una vita
E io non me ne accorgo perché mi ha distratto
Quell’idea di non essere adatto
‘E vote na parola ca nun vuo sentì
È a chiave e na raggione ca nun saie capì
E vote na parola te po fa vedè
O bello ca nun vide ma sta attuorno a te
Attorno a te
Attorno a te
Mai nisciuno (mai nessuno) te po arrubà nu suonno
Si tu nun ‘o raccunte
Stai sicuro (stai sicuro)
Ca si rispiette l’onne o’ mare nun t’affonna
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni (ca nun tieni)
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Pe te fa ascì a stu scur ca te ten prigiuniero
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Ma sarà sempe scuro si nun ce crire si nun ce crire
Si nun ce crire

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso