Festival Di Sanremo
Sanremo
Vittoria Mahmood Sanremo Salvini
Cultura e Spettacolo
10 Febbraio Feb 2019 1018 10 febbraio 2019

Le reazioni politiche alla vittoria di Mahmood a Sanremo 2019

Ad Adinolfi e Salvini non piace. Mentre per Elisa Isoardi «l'incontro di culture differenti genera bellezza».

  • ...

Il suo preferito era Ultimo, che però è arrivato solo secondo (e non l'ha presa bene). Matteo Salvini ha seguito attentamente il Festival di Sanremo senza nascondere preferenze e antipatie. Dopo aver elogiato Il Volo e massacrato la canzone di Achille Lauro, Rolls Royce, il ministro dell'Interno ha criticato la vittoria di Mahmood, figlio di padre egiziano e madre italiana, che si considera «italiano al 100%».

Non la pensa allo stesso modo Elisa Isoardi, conduttrice de La Prova del Cuoco ed ex compagna di Salvini: «Mahmood ha appena vinto il festival di Sanremo. La dimostrazione che l'incontro di culture differenti genera bellezza», ha scritto in un tweet che per molti è sembrato una frecciatina bella e buona all'ex.

Anche Fiorello ha apprezzato la vittoria di Mamhood, sottilineando come agli italiani non dovrebbero interessare tutti i dettagli della sua vita: «Da dove viene, chi è il padre la madre , il paese d’origine, l’orientamento sessuale ,il taglio di capelli, il gruppo sanguigno...».

Mentre per Mario Adinolfi è una bocciatura assoluta: «Trattano Mahmood come fosse una sorta di Jesse Owens che vince le Olimpiadi davanti a Hitler e invece è solo Denny Mendez che vince Miss Italia senza essere la più bella».

Intanto la Capogruppo FI alla Camera Mariastella Gelmini ha fatto sapere su Twitter che andrà a vedere Ultimo in concerto, e cercato di glissare sulle polemiche relative alle origini del vincitore: «Le sue origini non c’entrano nulla! Per una volta parliamo di musica, non di politica...».

Dal Partito democratico, la dirigente Anna Rita Leonardi ha preso in giro Salvini: «Portategli acqua e zucchero». Chiara Geloni ha cercato invece di mettere a tacere le critiche sulla nazionalità del vincitore: «Ha vinto un ragazzo italiano, ok?». Anche il sindaco di Milano Beppe Sala si è congratulato via Twitter, invitando Mohamood a Palazzo Marino. Mentre il deputato dem Luciano Nobili ha provocato Salvini, sperando che ascoltando Soldi gli venga voglia di restituire i 49 milioni rubati dalla Lega.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso