Damian Hardung Il Nome Della Rosa

Chi è Damian Hardung, Adso da Melk de Il nome della rosa

Il giovane attore tedesco tra i protagonisti della serie tratta dal capolavoro di Umberto Eco in onda Su RaiUno. Un passato da calciatore e una passione per la musica. Il ritratto.

  • ...

Un cast d'eccezione è protagonista de Il nome della rosa, la serie kolossal ispirata al capolavoro di Umberto Eco e in onda su RaiUno. Sotto la regia di Giacomo Battiato, il protagonista nei panni di Guglielmo da Baskerville è John Turturro. Tra gli altri spiccano Rupert Everett, Michael Emerson, Sebastian Koch, Fabrizio Bentivoglio, Alessio Boni e Greta Scarano. C'è poi Damian Hardung, che veste i panni di Adso da Melk, il frate benedettino al seguito di Guglielmo e voce narrante della storia.

Hardung interpreta la parte che nel film del 1986 diretto da Jean-Jacques Annaud era stata appannaggio di Christian Slater. Vent'anni compiuti a settembre, l'attore tedesco ha un passato da atleta: ha giocato a calcio fino alla categoria giovanissimi col Fortuna Colonia, prima di rinunciare al suo impegno col club per scegliere la carriera dietro la macchina da presa. Il tutto malgrado una borsa di studio conquistata a 14 anni che gli aveva permesso di coltivare la propria passione per il pallone proseguendo gli studi a a New York.

LEGGI ANCHE: Umberto Eco, l'eredità contesa da Bologna e Milano

L'attore tedesco è diventato celebre grazie al suo ruolo nella serie tivù tedesca Club der roten Bänder (corrispettivo tedesco dell'italiana Braccialetti rossi) e nel 2018 ha recitato nel film La ragazza più bella del mondo, di Aron Lehmann. Nella sua ancora giovane carriera anche una piccola parte recitata nel 2013 in Clara e il segreto degli orsi. Oltre al tedesco, Hardung parla anche inglese, francese e un po’ di cinese. Parallelamente alla sua vita di attore, oltre agli sport, ama dedicare parte del suo tempo libero alla musica. Suona il pianoforte, la batteria e adora cantare.

4 Marzo Mar 2019 2022 04 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso