Masterchef 2019 Pagelle Ottava Puntata BOCUSE

Le pagelle dell'ottava puntata di Masterchef 2019

Invention test dedicato a Bocuse, maestro francese scomparso lo scorso anno. Lasciano il grembiule Virginia e Verando. Federico si conferma il migliore. I voti. 

  • ...

L'ottava puntata di Masterchef si apre con una mistery box abbastanza semplice: i concorrenti devono cucinare un piatto che abbia come protagonista un solo ingrediente scelto da un loro avversario, che decide anche il tipo di portata. A parte Salvatore, a cui Loretta assegna un piatto dolce a tema cavolfiore, gli altri concorrenti non vengono penalizzati dagli avversari e si trovano a realizzare piatti piuttosto banali. Vince Federico con un primo a base di quinoa. Ha il vantaggio di salvarsi dall'invention test e di conoscere i segreti di questa prova molto dura, che consiste nella replica, a staffetta, di un piatto famoso: il branzino in crosta di pane con salsa choron del padre dell'alta cucina francese, il tristellato Paul Bocuse scomparso nel gennaio 2018. Sarà Federico a formare le coppie della staffetta e, avendo la possibilità di condividere i segreti della ricetta con un compagno di classe, sceglie Gloria a cui però dà informazioni false per depistarla. La coppia peggiore dell'invention è quella costituita da Valeria e Virginia, che vengono graziate perché la prova è troppo difficile e non esce nessuno, ma vanno direttamente al pressure test.

La prova esterna dell'ottava puntata di Masterchef 2019: cucinare in un vero ristorante. Le due squadre sui Navigli di Milano.

I migliori sono Gloria e Gilberto che diventano i capitani nella prova esterna, consistente nel sostituire, per una sera, le brigate di due storici ristoranti dei Navigli di Milano. Una prova utile che fa capire ai concorrenti com'è veramente lavorare in un ristorante, cosa significa gestire una cucina vera e professionale, cucinare incalzati dal tempo, sotto la pressione degli ordini dei clienti. Vincono i blu capitanati da Gloria: si salvano Federico, Salvatore e Giuseppe. I rossi, guidati da Gilberto, perdono e vanno al pressure test. Antonino Cannavacciuolo, che ha osservato il lavoro dei rossi in esterna, decide di salvare Gilberto e Alessandro. Guido, Loretta, Verando affrontano la prova finale insieme alle peggiori dell'invention test, Valeria e Virginia. Nel pressure i concorrenti devono simulare un servizio di food delivery: nel momento in cui sul loro tablet apparirà l'ordine richiesto dai giudici, dovranno fare la spesa, cucinare il piatto e consegnarlo. I piatti da preparare sono: popcorn in 10 minuti, club sandwich in 20 e maiale con ananas in agrodolce in 60. Loretta, Guido e Valeria si salvano, Virginia e Verando devono togliersi il grembiule e uscire per sempre dalla cucina di Masterchef.

LOCATELLI E CANNAVACCIUOLO GIUDICI E COACH PERFETTI

ANTONINO CANNAVACCIUOLO: 7. Dice una sacrosanta verità: preparare dei dolci con le verdure è molto difficile e sono veramente pochi i cuochi in grado di farlo. È molto presente in esterna e incoraggia i concorrenti.

GIORGIO LOCATELLI: 7 e ½. I concorrenti lo cercano e lui c'è. Alza la voce, li sprona, dispensa consigli. Fa notare di aver lavorato per anni al Savoy di Londra, ma l'intervento è contestualizzato e non infastidisce.

JOE BASTIANICH: 6 e ½. Concordiamo sulla crescita di Federico, però all'inizio era stato lui a esprimere dei dubbi sui provini del concorrente.

BRUNO BARBIERI: 6. Anche quando fa dei complimenti ha un approccio un po' troppo da “chef” che continua a non piacerci.

Federico con lo chef Antonino Cannavacciuolo durante l'ottava puntata di Masterchef 2019.

FEDERICO AL TOP, GIUSEPPE NON GUADAGNA LA SUFFICIENZA

GIUSEPPE: 5. Non prende posizione e in brigata crea confusione.

GILBERTO: 7. Arrogante è arrogante, ma in questa puntata dimostra di saper lavorare in cucina e anche in brigata. L'unico, insieme a Gloria, ad aver azzeccato la mousse del branzino in crosta di Bocuse.

FEDERICO: 7 e ½. Gli abbiamo sempre dato fiducia e ci ha ripagato, dimostrandosi il migliore di questa puntata con delle convincenti performance in attacco. Fa lo stronzetto con Gloria, ma è per vendicarsi della quinoa, per cui glielo perdoniamo.

GUIDO: 6 e ½. Ha perso un po' dell'energia iniziale, appare stanco. In brigata non sa lavorare.

ALESSANDRO: 6. Per una volta non va al pressure. Bene nelle esterne, un po' meno in classe.

SALVATORE: 7. Ha riacceso il motore e continua a migliorare.

VALERIA: 6. Azzecca molte prove, ma la sua presunzione la fa cadere nell'invention.

LORETTA: 7. Lucida e razionale, gestisce bene il tempo: la migliore del pressure.

GLORIA: 7. I suoi gnocchi viola ripieni di pera su fonduta di formaggio ci sono piaciuti. Bene l'invention con Gilberto e questa volta sa anche governare la brigata in esterna.

8 Marzo Mar 2019 0951 08 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso