Masterchef 2019 Pagelle Undicesima Puntata

Le pagelle della undicesima puntata di Masterchef 2019

Semifinale spenta. Si salva solo l'esterna al DiverXo di Madrid. Lo chef Muñoz incanta. La migliore è Gloria. Gilberto troppo aggressivo e senza tecnica. Esce Guido. I voti. 

  • ...

Per essere la semifinale, l'11esima puntata di Masterchef non è stata scoppiettante e l'unica nota di colore è arrivata con la prova esterna al ristorante DiverXo di Madrid dello chef David Muñoz. Una mistery box non difficile, ma utile e stimolante, apre il programma. I concorrenti hanno a disposizione tanti ingredienti: li devono provare e cercare una combinazione insolita e vincente. Vince Gloria perché osa con un abbinamento a cui nessuno credeva: aglio nero e cioccolato bianco.

Si passa all'invention test che, a differenza delle altre volte, è meno impegnativo. I concorrenti devono cucinare con un familiare che dovrà anche fare la spesa per loro. Gloria, vincitrice della mistery, ha il vantaggio di decidere la spesa insieme al marito. La prova non è difficile, ma serve a testare la capacità degli aspiranti chef di mantenere il controllo dalle emozioni e da sous chef ingombranti. Vince Valeria con un baccalà cotto sottovuoto con granita di sedano. I peggiori sono Guido e Alessandro, che vengono graziati, ma vanno direttamente al pressure e saltano la prova in esterna, che si rivela essere il momento migliore della puntata.

LA PROVA AL DIVERXO DI MADRID

Valeria, Gilberto e Gloria sono ospiti della cucina di David Muñoz, chef tristellato del ristorante DiverXo di Madrid. Valeria, come vincitrice dell'invention, ha il privilegio di scegliere il piatto di Muñoz che dovrà realizzare lei e di assegnarne altri due a Gloria e Gilberto. La prova è bella tosta perché i concorrenti devono cucinare piatti all'altezza del ristorante sotto la supervisione di Muñoz e della sua brigata e sarà lo stesso chef a decidere il vincitore. Vince Gloria. Valeria viene giudicata troppo rilassata e Gilberto troppo aggressivo e con poca tecnica. I due concorrenti devono affrontare un primo pressure che consiste nel replicare la ricetta che Gloria ha realizzato da Muñoz, vince Gilberto e Valeria sfida, al secondo step del pressure, Guido e Alessandro. La prova consiste nel seguire Antonino Cannavacciuolo nell'esecuzione di una ricetta e poi nel terminarla da soli. Difficile portare avanti un piatto ideato da un'altra persona e di cui non si conoscono i passaggi. La sfangano Alessandro e Valeria, Guido esce a un passo dalla finale.

La supervisione dello chef Muñoz durante l'esterna.

DAVID MUNOZ, PURA AVANGUARDIA TRA I FORNELLI

DAVID MUNOZ: 8. Il ristorante DiverXo di Madrid è cucina avanguardistica allo stato puro, tanto che il motto è «vanguardia o morir». Irriverente, provocatorio, fuori dagli schemi, radicale e, a suo modo libero, David Muñoz porta avanti una sua idea di perfezione che coincide con la ricerca maniacale e ossessiva del sapore. Nella prova Muñoz è molto attento al lavoro in cucina dei concorrenti, li segue passo passo mostrando loro gli errori e come ripararli. È autorevole, pretende la perfezione, ma spiega anche come raggiungerla. Ci è piaciuto.

I giudici di Masterchef: Antonino Cannavacciuolo, Joe Bastiacich, Bruno Barbieri e Giorgio Locatelli.

I GIUDICI AVVERTONO LA STANCHEZZA

ANTONINO CANNAVACCIUOLO: 6 e ½. È presente, ma si prende pochi rischi. Condividiamo alcuni suoi commenti.

GIORGIO LOCATELLI: 7-. Continua a essere sul pezzo, ma appare più spento.

JOE BASTIANICH: 6 e ½. Il ritmo lento del programma lo favorisce, ma ha una marcia in meno rispetto alla puntata precedente.

BRUNO BARBIERI: 6. Ogni tanto c'è, ma non padroneggia il campo.

Gilberto in postazione. La sua aggressività non è compensata da una sufficiente esperienza. Ed è il peggiore della puntata.

GILBERTO, L'ENERGIA SIN CABEZA NON PAGA

GILBERTO: 6 e ½. La troppa voglia di vincere spesso lo limita. In cucina è bravo, ma a volte si lascia travolgere da un impeto non controllato e ha poca tecnica. Concordiamo con Muñoz che l'energia sin cabeza non paga.

ALESSANDRO: 7-. Un'altra puntata convincente. Non gli avevamo dato fiducia e ancora adesso non crediamo che possa vincere, ma i miglioramenti sono evidenti.

VALERIA: 7+. Precisa ed efficace per quasi tutta la puntata, cala nel pressure. Anche per lei concordiamo con Muñoz: ha molta passione, ma è un po' lenta e rilassata, non esattamente quello che serve in una cucina professionale.

GLORIA: 7 e ½. In questa puntata spinge l'acceleratore e prende l'impennata. Ritorna nel suo ruolo, con efficacia e lucidità.

29 Marzo Mar 2019 0911 29 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso