Mick Jagger Valvola Cardiaca

Mick Jagger deve operarsi per sostituire una valvola cardiaca

Secondo Drudge Report l'intervento chirurgico sarà effettuato in settimana a New York. Il cantante dei Rolling Stones non potrà tornare sul palco prima dell'estate.

  • ...

Il leader dei Rolling Stones, Mick Jagger, si sottoporrà in settimana a New York a un intervento chirurgico per la sostituzione di una valvola cardiaca.

IL TOUR CANCELLATO NEGLI STATI UNITI

La notizia è stata diffusa dall'aggregatore Drudge Report. Secondo una fonte informata, Jagger dovrebbe riprendersi completamente e tornerà sul palco entro l'estate. Sabato 30 marzo i Rolling Stones avevano annunciato la cancellazione del tour negli Stati Uniti, per non meglio precisati problemi di salute del cantante. La band aveva fatto sapere che i medici avevano sconsigliato a Jagger di andare in tournée in questo momento, perché bisognoso di cure. Adesso anche il motivo sarebbe stato chiarito. L'operazione cui si sottoporrà Jagger ha un tasso di successo del 95% e secondo quanto rivelato dalla fonte a Drudge Report la rockstar, 75 anni, è comunque in condizioni fisiche particolarmente buone.

LA VICINANZA DEGLI ALTRI MEMBRI DELLA BAND

Jagger, dopo gli eccessi del passato, segue un'alimentazione che ricorda quella di un campione sportivo, con una dieta a base di pasta integrale, riso, fagioli, pollo e pesce, accompagnata da esercizio fisico costante. Dopo la notizia della cancellazione del tour, il cantante è stato fotografato mentre si rilassava sulla spiaggia di Miami con la fidanzata Melanie Hamrick e i figli Deveraux e Georgia May. «È una grande delusione per tutti ma le cose vanno risolte e ci vedremo presto», ha scritto Keith Richards su Twitter, «Mick, siamo sempre qui per te!». Mentre Ronnie Wood ha mandato un messaggio affettuoso al leader dei Rolling Stones: «Ci mancherai nelle prossime settimane, ma non vediamo l'ora di vederti e stare tutti insieme molto presto».

1 Aprile Apr 2019 1930 01 aprile 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso