Salone Del Mobile 2019 Fuorisalone
Salone del Mobile 2019
Salone Satellite Award

Che cosa è il Salone Satellite Award

La Fiera dedica uno spazio importante ai designer under 35. Ecco chi sono i nomi da tenere d'occhio. 

  • ...

SaloneSatellite lo spazio che dal 1998 accompagna il Salone del Mobile per dare spazio ai designer under 35. Dal 2010 è accompagnato dal premio SaloneSaloneSatellite Award: una giuria internazionale di protagonisti del mondo del design seleziona i tre migliori prodotti in esposizione. Un modo, si legge sulla pagina dedicata, per favorire « i contatti mirati tra i giovani designer e le aziende espositrici al Salone del Mobile». Lo scoros anno ad aggiudicarsi il riconoscimento è stato Stefano Carta Vasconcellos per il progetto Cucina Leggera (Light Kitchen): un blocco cucina assemblabile tramite l’incastro degli elementi che la compongono. Classe 1986, laureato in Economia nel 2010 e successivamente in design di prodotto presso lo Ied di Cagliari, Carta Vasconcellos si occupa di product design e stampa 3D all'interno di un progetto del FabLab di Sardegna Ricerche.

I VOLTI EMERGENTI DEL DESIGN ITALIANO

Altra designer da tenere d'occhio è Elena Salmistrario, vincitrice del premio come miglior designer esordiente al Salone del Mobile Milano Award. Dopo aver fondato nel 2009 con Angelo Stoli uno studio per realizzare oggetti d’interior design, ha iniziato a farsi notare come professionista nel 2011 proprio in occasione del FuoriSalone. La milanese Federica Biasi è stata invece l’unica donna a vincere nel 2018 il Rising Talents Awards: premio della fiera parigina Maison&Objet per i designer emergenti. Laureata nel 2011 all’Istituto Europeo di Design, dopo un’esperienza ad Amsterdam è diventata art director per Mingardo e consulente creativa per Fratelli Guzzini. Oltre alla ricerca dedicata ai singoli brand, per cui si concentra in particolare su colori, materiali e finiture, progetta oggetti in ceramica, arredi e prodotti tessili facendo riferimento alle eccellenze artigiane.

IL NIPOTE D'ARTE MATTEO CIBIC

Classe 1983, il parmigiano Matteo Cibic nel 2018 è stato selezionato tra sette designer italiani e operanti in Italia under 35 giudicati meritevoli di promozione dal progetto AD CHOICE – Seven for the Future, ideato dal direttore di AD-Architectural Digest, Ettore Mocchetti. Originario di Vicenza, Cibic espone in musei e gallerie internazionali: dalla Biennale di Venezia al Mudac di Losanna fino al Centre Pompidou di Parigi. Va però ricordato che, nonostante si dichiari autodidatta, siamo davanti a un "nipote d'arte": Aldo Cibic infatti è tra i fondatori del collettivo Memphis. Ancora più giovane è Antonio Facco, nato nel 1991. Facco, che ha uno studio a San Donato Milanese, nel 2018 ha vinto il Rising Talents Award. E nonostante la giovane età ha collaborato con architetti, designer e aziende internazionali tra cui Antolini, Bolon, Cappellini, AugustaWestland, Mohm.

8 Aprile Apr 2019 1207 08 aprile 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso