Consiglio 130509231311

Lavoro, il governo vara il decreto legge in Consiglio dei ministri

Bonus assunzioni. Iva, stop di 3 mesi.

  • ...
Fabrizio Saccomanni, Anna Maria Cancellieri, Maria Chiara Carrozza, Enrico Letta, Angelino Alfano, Carlo Trigilia e Enrico Giovannini dopo il Cdm.

Senza lavoro il Paese muore, è stato l'inquietante ritornello di Enrico Letta da quando è premier. Ora ci sono le cifre per tentare di salvarlo: le risorse per gli incentivi per nuove assunzioni, secondo la bozza del decreto legge Lavoro su cui è arrivato il via libera del Consiglio dei ministri, ammontano per il Mezzogiorno a 100 milioni per il 2013, 150 per il 2014, 150 per il 2015, 100 per il 2016.
Per le altre Regioni 48 per il 2013, 98 per il 2014, 98 per il 2015, 50 per il 2016.
Il provvedimento è di nove articoli in 19 pagine. «Potrebbero essere interessati 200 mila giovani italiani con intensità maggiore nel Centro Sud», ha spiegato Letta.
IVA CONGELATA PER TRE MESI. Il Cdm ha anche congelato l'aumento dell'Iva dal 21 al 22% per tre mesi: se ne riparla il primo ottobre, con la possibilità che il parlamento decida un ulteriore differimento (ma c'è il nodo delle coperture: aumentano Irpef e Ires).
Oltre alla riassegnazione delle deleghe del ministro Idem, è arrivato il via libera anche al dl carceri.
SGRAVI SPERIMENTALI PER UNDER 29. Tornando all'occupazione, sono previsti anche in via sperimentale incentivi all'assunzione stabile di giovani tra i 18 e i 29 anni.
È confermato il tetto di 650 euro al mese: gli sgravi sono di 18 mesi per le nuove assunzioni e di 12 per le trasformazioni con contratto a tempo indeterminato.
SOGGETTI SOLI O CON PERSONE A CARICO. I soggetti però devono essere privi di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi oppure senza un diploma di scuola media superiore o professionale, oppure devono vivere soli con una o più persone a carico.
NORME ANCHE PER OVER 50 IN VISTA DI EXPO 2015. Nel pacchetto sono stati inseriti pure interventi straordinari fino al 31 dicembre 2015 per favorire l'occupazione di giovani fino a 29 anni, ma anche «soggetti con più di 50 anni di età» che siano disoccupati da oltre 12 mesi.
Misure varate «anche al fine di cogliere le opportunità di lavoro, su tutto il territorio nazionale, derivanti dall'iniziativa dell'Expo 2015 di Milano».
PER I GIOVANI DEL SUD ULTERIORI FONDI DI 328 MLN. Sono state programmate pure «ulteriori misure nei territori del Mezzogiorno» per l'occupazione giovanile.
E in particolare, 80 milioni di rifinanziamento delle misure per l'autoimpiego e autoimprenditorialità, 80 milioni di rifinanziamento del piano di azione e coesione, 168 milioni di finanziamento per borse di tirocinio formativo a favore di giovani che non lavorano, non studiano e non partecipano ad attività di formazione.
PRIMO STEP, POI MISURE CON LE RISORSE UE. Le nuove assunzioni a tempo indeterminato di lavoratori giovani sono «in attesa dell'adozione di ulteriori misure da realizzare anche attraverso il ricorso alle risorse della nuova programmazione comunitaria 2014-2020». Un primo step insomma «istituito in via sperimentale».

Tetto di 650 euro al mese per gli sgravi contributivi

GLI SGRAVI AMMONTANO A 794 MLN. Sono 794 i milioni di euro stanziati per gli sgravi contributivi per il quadriennio 2013-2016: 500 milioni per le regioni del Sud e 294 per le altre. Per le nuove assunzioni è prevista la decontribuzione piena (il 33% della retribuzione) fino a un tetto di 650 euro al mese per lavoratore per un massimo di 18 mesi.
L'azienda ottiene gli sgravi se assume un lavoratore tra i 18 e i 29 anni senza impiego da almeno 6 mesi o senza un titolo di scuola media superiore o professionale o che vive da solo con almeno una persona a carico.

STANZIATI 168 MLN PER I NEET. Pronti 168 milioni di euro per borse di tirocinio formativo per i cosiddetti neet, giovani che non lavorano, non studiano e non cercano impiego. L'obiettivo è coinvolgere circa 80 mila giovani.

TORNA A 10-20 GIORNI LA PAUSA TRA I CONTRATTI. Per quanto riguarda la pausa tra un contratto a termine è l'altro si torna al vecchio regime, prima della riforma di Fornero: 10-20 giorni e non più 60-90.

ARRIVANO 10,6 MLN PER L'ISTRUZIONE. Il governo ha stanziato 10,6 milioni di euro in favore dell'istruzione per finanziare stage durante il percorso universitario e per favorire il legame tra formazione e lavoro.

DECISE MISURE IN FAVORE DELL'AUTOIMPIEGO. Il decreto prevede 80 milioni di euro per misure di autoimpiego e autoimprenditorialità. Altri 80 milioni sono stanziati per il piano di azione coesione rivolta a enti e organizzazioni del privato sociale che coinvolgono giovani in progetti di valorizzazione dei beni pubblici e per l'inclusione sociale.

IL GOVERNO PROROGA LA SOCIAL CARD. Il governo è pronto ad avviare il programma 'Promozione per l'inclusione sociale', finanziato con 167 milioni di euro (170 mila persone coinvolte). Viene confermata fino a fine anno la social card per 425 mile persone.

INCENTIVI PER L'ASSUNZIONE DEI DISABILI. Sono stati stanziati 22 milioni di euro per l'assunzione di persone disabili.

26 Giugno Giu 2013 1046 26 giugno 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso