Borsa: Milano gira a -1% con banche
6 Giugno Giu 2018 1010 06 giugno 2018

Borsa, mercati e spread del 6 giugno

Il differenziale Btp-Bund ha chiuso in rialzo a 245 punti. Timori per il programma economico del governo Conte e la fine del Quantitative easing.

  • ...

Lo spread Btp-Bund ha chiuso in rialzo a 245 punti base la seduta di mercoledì 6 giugno. Il rendimento del titolo decennale italiano è arrivato al 2,9%. Piazza Affari ha rimontato nel finale, segnando un +0,26%.

Liveblogging

18.29 - MILANO CHIUDE A +0,26%. La Borsa di Milano rimonta nel finale di seduta e chiude in rialzo (+0,26%) nel giorno del voto di fiducia alla Camera per il governo M5s-Lega. Tra le banche volano Fineco (+5,9%), con i dati positivi sulla raccolta di maggio, Banco Bpm (+4,4%) in scia alla notizia sulla cessione di un pacchetto di crediti deteriorati. In forte rialzo anche Banca Sistema (+5,9%) con il cda che ha smentito la vendita dell'istituto. In positivo anche Banca Generali (+3,8%), Mediobanca (+3,2%), Mps (+2,9%), Ubi (+1,5%) e Unicredit (+0,9%). Positive Tim (+0,6%) e Mediaset (+2,9%), nel giorno in cui sono state presentate le liste per il cda.

18.12 - LO SPREAD CHIUDE A 245 PUNTI. Lo spread tra Btp e Bund chiude in rialzo a 245 punti base, cinque in più rispetto al 5 giugno, dopo aver toccato un massimo di seduta a 254 punti base. Il rendimento del titolo decennale italiano è al 2,90%.

13:07 - MILANO RECUPERA E LO SPREAD SI CONTRAE. Piazza Affari recupera e lima le perdite con il Ftse Mib che naviga a -0,16% (21.714 punti). A ridare fiato al listino sono gli acquisti su Mediaset (+2,14%) e su parte dei bancari con Banco Bpm che sale dell'1,12% e Mediobanca dello 0,81%. Tra gli atri, acquisti su Fineco (+2,23%), Banca Generali (+1,53%). Dimezza le perdite poi Intesa che cede l'1,1%, a seguire Azimut (-0,97%) all'indomani del rafforzamento oltre il 24% del capitale di Timone Fiduciaria che raggruppa gli azionisti aderenti al patto di sindacato. Tim è stabile (-0,03%) in attesa dell'esame da parte dell'Agcom del progetto di separazione della rete. In calo lo spread tra btp e bund a 239 punti con il rendimento del decennale italiano stabile al 2,8%.

12.25 - MILANO LIMA LE PERDITE A -0,5%. Piazza Affari prosegue nervosa a metà seduta con il Ftse Mib che pur limando il calo, cede lo 0,5% a 21.653 punti. Sempre in tensione il credito con l'indice di settore che lascia sul terreno l'1,75%. Nel dettaglio Intesa perde il 2,5%, Mps l'1,63%, Bper l'1,66%, Unicredit l'1,82%. Cala lo spread tra btp e bund a 243 punti con il rendimento del decennale italiano sotto il 2,9%. Sotto la lente restano le mosse del nuovo governo. Tra i titoli in rialzo, buon passo di Mediaset (+2%) in attesa della lista Fininvest per il Cda, di Fineco (+1,2%) e Stm, (+1), quest'ultima già ieri sulla scorta del buon andamento dei tecnologici.

10.09 - LO SPREAD SALE A 253 PUNTI BASE. Lo spread vola a 253 punti base, riavvicinandosi ai livelli di guardia della scorsa settimana, sui timori per il programma economico del governo Conte e per l'avvicinarsi dell'addio della Banca centrale europea al Quantitative easing. Il rendimento del decennale italiano è al 2,9%.

9.30 - PIAZZA AFFARI VIRA IN NEGATIVO. Piazza Affari, dopo un avvio in positivo, fa un brusco cambio di rotta e gira in calo con il Ftse Mib che cede l'1% a 21.535 punti. Il mercato resta in tensione dopo la fiducia al Senato del Governo Conte che oggi è atteso al voto della Camera. Ad incidere sul listino sono sempre le vendite sui bancari con Mps che lascia sul terreno l'1,99%, Unicredit l'1,44%, Intesa Sanpaolo -1,66%. Tiene invece Stm (+1,09%) sul buon andamento dei tecnologici a Wall Street.

9.08 - IL DIFFERENZIALE CRESCE. Lo spread tra Btp e Bund apre in rialzo di tre punti sulla chiusura di ieri, quando era passato da 208 a 240 punti, posizionandosi a 243 punti con un rendimento al 2,82%.

9 - LA BORSA APRE IN RIALZO. Piazza Affari apre in cauto rialzo. L'indice Ftse Mib guadagna lo 0,3% a 21.814 punti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso