Tasso Btp balza di 10 punti,spread a 130
11 Giugno Giu 2018 1041 11 giugno 2018

Borsa, mercati e spread dell'11 giugno

I listini europei aprono in positivo e sembrano archiviare le tensioni emerse durante il G7. Gli esiti del voto per le amministrative fanno allentare la tensione sui titoli di stato italiani. Milano chiude a +3,42%. Forte recupero per i titoli bancari.

  • ...

Seduta ampiamente positiva per la Borsa di Milano: l'indice Ftse Mib ha chiuso in aumento del 3,42% a 22.086 punti. Forte recupero per i titoli bancari: le 'big' Unicredit e Intesa hanno segnato una crescita finale di oltre sei punti percentuali. E trascina con sé anche le Borse europee.

MILANO IN RIALZO. Piazza Affari rimbalza ed avvia in forte rialzo (+2,2%) la prima seduta della settimana e chiude al 3,4%. Anche lo spread cala a 235 punti. Gli esiti del G7 e del voto per le amministrative fanno allentare la tensione sui mercati e sui titoli di stato italiani. Evidentemente si guarda con ottimismo anche alla riunione della Fed e della Bce previste nel corso della settimana.

Liveblogging

16:15 - MILANO +3,4% E SPREAD A 235. A un'ora e un quarto dalla chiusura, Piazza affari continua a crescere e lo spread a calare. Milano accelera ancora e vola con un aumento dell'indice Ftse Mib del 3,4% oltre i 22mila punti. Sempre forti acquisti sulle banche con la riduzione della tensione sui titoli di Stato italiani: Unicredit e Intesa salgono del 6%, Banco Bpm cresce di oltre cinque punti percentuali

15:30 - MILANO CONTINUA A CRESCERE, LO SPREAD A CALARE. Piazza affari continua la sua salita (+2,4) e lo spread torna sotto quota 240 (dato simile con cui aveva aperto stamattina). I mercati azionari europei restano tendenzialmente positivi dopo l'avvio cauto di Wall street: Francoforte e Parigi si muovono poco sopra la parità, Londra sale di mezzo punto percentuale, mentre Madrid cresce dello 0,9%. Ma a spiccare è ancora la corsa di Milano, che con l'indice Ftse Mib cresce del 2,3% grazie al fortissimo calo della tensione sui titoli di Stato italiani e il parallelo recupero dei titoli bancari. Il rendimento del Btp a 10 anni sta scendendo di quasi 30 punti base e lo spread con la Germania si muove attorno a quota 235. Così in Piazza Affari Unicredit e Intesa salgono del 5%, mentre Banco Bpm, Ubi e Bper ondeggiano su una crescita di tre punti percentualiI mercati azionari europei restano tendenzialmente positivi dopo l'avvio cauto di Wall street: Francoforte e Parigi si muovono poco sopra la parità, Londra sale di mezzo punto percentuale, mentre Madrid cresce dello 0,9%. Ma a spiccare è ancora la corsa di Milano, che con l'indice Ftse Mib cresce del 2,3% grazie al fortissimo calo della tensione sui titoli di Stato italiani e il parallelo recupero dei titoli bancari. Il rendimento del Btp a 10 anni sta scendendo di quasi 30 punti base e lo spread con la Germania si muove attorno a quota 235. Così in Piazza Affari Unicredit e Intesa salgono del 5%, mentre Banco Bpm, Ubi e Bper ondeggiano su una crescita di tre punti percentuali

13.15 - TUTTI I LISTINI EUROPEI IN CRESCITA. Le Borse europee proseguono in rialzo spinte da Piazza Affari (+2,1%). Sembrano ormai archiviati i timori per i dazi importi dagli Usa su alluminio e acciaio e per la riunione della Bce quando dovrebbe esserci la decisione per la fine del Quantitative Easing. L'euro prosegue la marcia sul dollaro a 1,1779 a Londra. L'indice d'area Stoxx 600 guadagna lo 0,5%. Bene Londra (+0,8%), Madrid (+0,7%), Francoforte (+0,4%) e Parigi (+0,2%). Il settore della finanza (+1%) guida il rialzo dei listini del Vecchio Continente. In testa le banche italiane, Ubs (+2,5%), Credit Suisse (+2,7%), Banco Santander (+1,1%) e Bnp Paribas (+0,7%). In positivo anche le Tlc (+0,9%) con Deutsche Telekom (+1,6%), Cellnex Telecom (+1,8%)Orange (+0,3%). A Piazza Affari corrono Unicredit (+4,8%) e Intesa Sanpaolo (+4,3%). In positivo anche Banco Bpm (+2,7%) ed Mps (+1,3%). Sulla parità Recordati e Brembo mentre è in calo Fineco (-0,3%).

12.24 - MILANO PROSEGUE POSITIVA. La Borsa di Milano prosegue in forte rialzo con il Ftse Mib che avanza del 2,1% a 21.807 punti. Piazza Affari, miglior listino europeo, è spinta dalla banche con gli investitori che non temono la possibile decisione della Bce sulla fine del Qe. Si allenta la morsa anche sui titoli di Stato con lo spread tra Btp e Bund a 246 punti ed il rendimento del decennale italiano al 2,93%. L'euro prosegue in rialzo sul dollaro a 1,1790 a Londra. Tra le banche vola Unicredit (+5,4%). Bene anche Intesa (+4,8%), Mps (+3,4%), Banco Bpm (+3,1%), Ubi (+2,8%) e Bper (+2,2%). In luce i titoli legati al petrolio, nonostante il lieve calo del prezzo del greggio, con Italgas (+1,9%), Snam (+1,5%), Eni (+1,2%) e Saipem (+0,2%). In terreno positivo Tim (+1%) e Mediaset (+0,6%). Gira in negativo Fineco (-0,2%) mentre è sulla parità Recordati.

12:00 - LO SPREAD TORNA A SCENDERE. Piazza affari si attesta intorno al +2,1, mentre lo spread scende a quota 246. Sembrano ormai archiviati i timori per i dazi importi dagli Usa su alluminio e acciaio e per la riunione della Bce quando dovrebbe esserci la decisione per la fine del Quantitative Easing. L'euro prosegue la marcia sul dollaro a 1,1779 a Londra.

11:00 SALE LO SPREAD. Lo spread tra Btp e Bund tedesco ha avviato la giornata in calo a 239 punti base con il rendimento del decennale italiano che scende al 2,87%, ma alle 11:00 è già salito a 257 punti. La Borsa di milano Milano si attesta in positivo al 2,4%.

BORSE ASIATICHE IN POSITIVO. Borse asiatiche in rialzo in vista dell'incontro tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un a Singapore. Sembrano ormai passate in secondo piano le incertezze dopo il G7 in Canada e le possibili ritorsioni sul commercio tra Stati Uniti e Unione Europea per via dei dazi su alluminio e acciaio. Chiude in rialzo Tokyo (+0,48%) con lo yen che si è indebolito sul dollaro a 109,90, e sull'euro a 129,90. A mercati ancora aperti marciano in terreno positivo Hong Kong (+0,22%), Mumbai (+0,43%) e Seul (+0,76%). In calo Shanghai (-0,86%) e Shenzhen (-0,82%). Australia chiusa per vacanza.

BORSE EUROPEE ARCHIVIANO IL G7. Le Borse europee aprono in positivo ed archiviano le tensioni dovute alle divisioni emerse dal G7, in modo particolare per la vicenda dei dazi imposti dagli Stati Uniti su alluminio e acciaio. I mercati non sembrano essere spaventati dalla riunione di giovedì della Bce quando, con molta probabilità, saranno prese decisioni sulla fine del Quantitative Easing. Si allenta la tensione sulla gran parte dei titoli di stato dell'eurozona. Sul fronte del mercato valutario l'euro si rafforza sul dollaro a 1,1810 a Londra. In rialzo Madrid (+1%), Francoforte (+0,5%), Londra (+0,4%) e Parigi (+0,2%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso