Borsa Borse Mercati 111228115354
27 Giugno Giu 2018 1012 27 giugno 2018

Borsa, mercati e spread del 27 giugno

Mattinata in sofferenza per Milano e i mercati europei. Poi i listini tornano in positivo. Il differenziale Btp/Bund sale a 255,2 punti base.

  • ...

Giornata in altalena per Piazza Affari che ha aperto in negativo, poi è crollata a -1% mentre nel pomeriggio ha virato in positivo. Anche i listini europei, dopo aver dato il via alle contrattazioni a diverse velocità, segnano un miglioramento. Lo Spread è in lieve rialzo all'avvio di seduta. Il differenziale Btp/Bund poco dopo le 8.00 ha segnto 255,2 punti contro i 254 della chiusura di ieri. Il rendimento del decennale italiano è pari al 2,881%.

Il liveblogging dei listini

13.55 - MILANO GIRA IN POSITIVO. Piazza Affari gira in positivo e guadagna lo 0,29%, in linea con le altre piazze europee: Londra +0,31%, Parigi +0,22%, Francoforte +0,25%. Solo Madrid resta in rosso e cede lo 0,48%. Sul Ftse Mib sono in rialzi dei titoli legati all'energia, che beneficiano dei rincari del petrolio: Saipem (+3,5%), Tenaris (+3,4%), Terna (+2,15%), Eni (+1,85%). Bene anche Snam (+1%), Enel (+0,66%) e A2a (+0,44%). Viaggiano decisamente in positivo Recordati (+1,7%) e Mediaset (+1,52%), nel giorno della sua assemblea degli azionisti. Restano pesanti le banche, in particolare Banca Generali (-2,9%) e Ubi (-1,9%). Fuori dal Ftse Mib giù anche Carige (-3,8%) e Mps (-1,45%).

12.19 - SI ALLEGGERISCE LA PRESSIONE SULL'EUROPA. I timori di guerre commerciali continuano a pesare, ma la pressione si alleggerisce sui principali indici di Borsa europei: Francoforte gira in positivo (+0,2%) con Londra (+0,1%), Parigi è piatta, e Madrid lo 0,5%. Milano che aveva superato la perdita di un punto percentuale recupera fino a -0,15%, mentre fa il pieno l'asta dei Bot 6 mesi, il cui tasso è sceso a 0,092% dall'1,213% del collocamento di maggio. L'indice paneuropeo Euro Stoxx 600 è sulla parità: le vendite si concentrano sulle banche (-0,5%). Pesano le italiane: Banca Generali (-1,9%), Intesa (-1,9%), Banco Bpm (-1,7%), Ubi (-1,6%), Bper (-1,5%), Unicredit (-1,2%). Fuori dal Ftse Mib giù anche Carige (-3,8%) dopo l'addio di Tesauro, e Mps (-12%). A Milano cede Mediaset (-0,35%), mentre è in corso l'assemblea che ha visto l'esclusione del delegato della fiduciaria di Vivendi (+0,24% a Parigi).

10.01 - L'EUROPA PEGGIORA CON MILANO. L'Europa peggiora a una ora dall'avvio delle contrattazioni con l'indice Euro Stoxx 600 che flette dell' 0,6%, appesantito soprattutto dalla finanza (-1,4%), mentre il settore dell'energia beneficia dei rincari del petrolio (+1%). Solo Londra viaggia sulla parità (Ftse 100 -0,07%), mentre hanno girato in deciso calo Parigi (-0,35%), Francoforte (-0,75%), Madrid (-1%), Milano (-1%). Le vendite colpiscono le banche: Deutsche Bank -3,8% e Commerzbank (-3%) a Francoforte, Bnp Paribas e Credit Agricole (-2%) a Parigi. In rialzo anche il lusso di Essilor (+0,34%), e Kering (+1,19%). Bene anche TechnipFMC (+2,3)che progetta sistemi per l'energia).

9.44 - PIAZZA AFFARI SCIVOLA ANCORA. Apertura di scambi negativa per la Borsa di Milano, che a pochi minuti dall'avvio delle contrattazioni è in calo dello 0,7 per cento. Pesanti le banche: Ubi (-2,55%), Banca Generali (-1,5%), Intesa (-1,6%), Unicredit (-1,5%) che proprio stamattina ha annunciato di essere salita dal 10,3% in Kepler. Giù anche Banco Bpm (-1-5%), Mediobanca (-1-4%), Bper (-1,2%). Fuori dal Ftse Mib anche Mps perde (-1,6%). Le vendite colpiscono Tim (-2%) ai minimi da due anni a 0,628 euro, Unipol (-2%), Leonardo (-2%). In rialzo i titoli dell'energia, con Saipem (+2,6%), Tenaris (+2%), Eni (+0,9%), e Terna (+0,3%), che evidentemente beneficiano dei rialzi del prezzo del greggio. Bene anche Recordati (+0,3%) e il lusso di Luxottica (+0,22%). Fuori dal listino principale scivola Gima TT (-8%), ribassata a 'hold' da Kepler Cheuvreux.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso