Pensioni:2 luglio arriva quattordicesima
Economia
30 Giugno Giu 2018 1607 30 giugno 2018

Pensioni, arriva il pagamento della 14esima a luglio 2018

Lunedì boccata d'ossigeno per 3,5 milioni di persone che hanno gli assegni più bassi (reddito lordo mensile sotto i 1.000 euro.). Importo medio di 500 euro. Cosa c'è da sapere.

  • ...

Arriva lunedì 2 luglio 2018 la 14esima mensilità per circa 3,5 milioni di pensionati, una boccata d'ossigeno per tutti coloro che percepiscono gli assegni più bassi. Ne ha diritto chi ha compiuto 64 anni e ha un reddito lordo mensile che non superi i 1.000 euro. L'importo medio sarà di 500 euro e partirà da un minimo di 336 euro fino a 655,20 euro a seconda dei contributi versati.

SPESA TOTALE DI 1,7 MILIARDI. La platea è all'incirca la stessa del 2017, così come la spesa complessiva di 1,7 miliardi. A fare i conti è stata la Spi Cgil che ha sottolineato come si tratti di uno «strumento importantissimo» che porta un po' di risorse in più ai pensionati meno abbienti. Non a caso lunedì a beneficiare dell'assegno sono più donne che uomini, considerato che mediamente hanno redditi da pensione più bassi principalmente a causa di carriere lavorative discontinue e frammentate.

Rimettere le mani alla 14esima come sentiamo dire in questi giorni sarebbe un danno incalcolabile verso persone che hanno lavorato una vita

Ivan Pedretti, segretario generale dello Spi-Cgil

Le regioni dove è destinato ad arrivare il più alto numero di 14esime sono la Lombardia (470 mila) in primis, seguita però poi da Sicilia (327 mila) e Campania, regioni dove si concentrano i livelli più bassi di redditi pensionistici (313 mila). Seguono Veneto (300 mila), Lazio (260 mila), la Puglia (257 mila), il Piemonte (240 mila), l'Emilia-Romagna (225 mila), la Toscana (215 mila), la Calabria (145 mila), le Marche (118 mila), la Sardegna (106 mila), la Liguria (100 mila). Fanalini di coda l'Abruzzo (98 mila), il Friuli-Venezia Giulia (75 mila), l'Umbria (60 mila), il Trentino-Alto Adige (54 mila), Basilicata (50 mila), Molise (30 mila), Valle d'Aosta (6 mila).

MISURA RAFFORZATA NEL 2016. Il segretario generale dello Spi-Cgil Ivan Pedretti ricorda: «La 14esima per i pensionati nasce da un accordo tra sindacati e governo nel 2007 ed è stata ulteriormente rafforzata ed estesa con l'intesa sottoscritta nel 2016. Nel 2017 infatti 2 milioni di pensionati l'hanno ricevuta maggiorata del 30% e oltre un milione l'ha avuta per la prima volta. Rimetterci le mani come invece sentiamo dire in questi giorni sarebbe un danno incalcolabile verso persone che hanno lavorato una vita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso