Terna
Economia
6 Luglio Lug 2018 1721 06 luglio 2018

Terna prima società in Italia con certificazione Iso asset management

La norma internazionale definisce i requisiti per la gestione ottimale di linee e stazioni elettriche.

  • ...

Terna è la prima azienda in Italia a ottenere la certificazione del proprio Sistema di gestione degli asset, su beni tangibili, ovvero linee e stazioni elettriche, secondo la norma internazionale Iso 55001:2014 Asset Management, che definisce i requisiti per una gestione ottimale degli asset. La società che gestisce la rete di trasmissione elettrica nazionale ha aderito su base volontaria alla normativa, recepita in Italia nel 2015 come Uni Iso 55001:2015, standard di riferimento a livello mondiale per la gestione delle infrastrutture aziendali.

La certificazione ottenuta da Terna garantisce l’efficacia e l’efficienza del processo di manutenzione e rinnovo delle linee e stazioni elettriche facenti parte della rete di trasmissione nazionale, durante tutto il loro ciclo di vita. Garantisce inoltre il raggiungimento di elevati livelli di performance sostenibili. Parte integrante del Sistema di asset management è la manutenzione predittiva, che dalle rilevazioni sullo stato dei singoli componenti consente di definire con accuratezza la condizione tecnica delle infrastrutture, individuando in maniera mirata gli interventi da effettuare. Questo permette, di conseguenza, un’ottimizzazione dei costi e la riduzione dei rischi ambientali e sociali connessi.

La nuova certificazione si aggiunge agli accreditamenti già ottenuti da Terna negli anni precedenti e conferma l’impegno e la grande attenzione dell'azienda alla sicurezza, alla trasparenza, alla sostenibilità e all’efficienza. Terna gestisce oltre 72 mila km di linee in alta tensione, 871 stazioni elettriche e 781 trasformatori di elettricità distribuiti su tutto il territorio italiano, impiegando quotidianamente 350 imprese qualificate nei 200 cantieri aperti da Nord a Sud, dove sta realizzando oltre 100 opere infrastrutturali.

Dal 2005 Terna ha investito oltre 10 miliardi di euro per lo sviluppo e l'ammodernamento della rete elettrica di trasmissione nazionale, un ingente impegno economico che l’azienda ha deciso di affrontare con un modello di gestione integrato e volto sempre più all’innovazione delle infrastrutture, con l’introduzione di nuovi sensori e sistemi digitali per il controllo e la diagnostica da remoto delle linee e delle stazioni elettriche. La digitalizzazione, infatti, è uno dei driver del nuovo Piano strategico di Terna che prevede complessivamente 5,3 miliardi di euro di investimenti al 2022. Di questi, circa 600 milioni di euro saranno dedicati proprio allo sviluppo di soluzioni innovative per far fronte alla crescente complessità del sistema elettrico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso